La ‘roza y quem” è una tecnica di coltiva­zione molto antica, si brucia un pezzo di foresta e nello spa­zio ripulito si coltiva. Usata da millenni in Amazzonia come in altre parti del mondo. Un tempo era un’agricoltura "rotativa", che si spostava dando tempo alla rigenerazione. Oggi è diverso. L’Amazzonia copre un’area di 6,7 milioni di Km quadrati (22 volte l’Italia) e si estende su 9 stati: i roghi sono diversamente valutati se avvengono in Stati con governi di destra o di sinistra. Se governa Morales si chiude un occhio, se Bolsonaro si da fiato alle trombe.

Due articoli (Maurizio Stefanini e Piero Vietti) su Il Foglio contengono dati e analisi in controtendenza, voci “fuori dal coro”. Come pure l’articolo di Gian Antonio Stella, su Il Corriere della Sera, che ironizza (una pistola ad acqua) sui 20 milioni di euro stanziati dal G7 per aiutare l’Amazzonia, che consentono l'acquisto di un solo Canadair ( nuovo 28 milioni di dollari).

Allegato:
i_roghi_populisti_in_amazzonia_stefanini_foglio.doc
non_e_il_polmone_della_terra_e_poi_vietti_foglio.doc
una_pistola_ad_acqua_per_lamazzonia_stella_corsera.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *