Savino Pezzotta: “Partecipare alla conferenza europea” – Questo articolo di Savino Pezzotta è stato postato anche su www.il9marzo.it dove un lettore ha così commentato: Savino Pezzotta è sempre stato un bravo predicatore, ma non ha capito che il tempo delle prediche è finito.Adesso chi non ha una spada venda il mantello e ne compri una”, ricevendo questa risposta da Pezzottanella mia vita e nel mio impegno sindacale non ho usato altra spada che la ragione, il confronto e la libertà di dire sempre come la pensavo. Se un predicatore richiama a qualche verità penso che vada bene. Tra tanti anonimi c’è qualcuno che ha attivato un punto di libera discussione, dove l’unica censura è data dal rispetto che dobbiamo sempre alle persone, anche verso quelle di cui nulla condividiamo. Sostenere e partecipare all’associazione “Prendere Parola” è un modo per garantire il luogo di discussione e di verità.”. Di seguito l’articolo.

A poco più di settant’anni dalla dichiarazione Schuman, la costruzione dell’Unione europea è a una svolta. Per la prima volta nella sua storia, uno degli Stati membri ha lasciato la casa comune. Ovunque i populismi stanno cercando di minare i fondamenti ei valori europei. I cittadini, dal canto loro, si sentono espropriati del progetto europeo o non lo capiscono più. Eppure, lo hanno dimostrato ancora una volta alle elezioni europee del 2019, dove l’affluenza alle urne ha raggiunto il 50,66% (il punteggio più alto dal 1995), vogliono avere voce in capitolo. Ma a parte i tradizionali comizi elettorali, ogni cinque anni, gli spazi per “parlare d’Europa” sono rari. Questo è il punto centrale della Conferenza sul Futuro dell’Europa, lanciata il 9 maggio; copilotata dal Parlamento Europeo, dal Consiglio Europeo e dalla Commissione Europea, è un’opportunità per la società civile di esprimersi su una dozzina di temi che la riguardano: cambiamento climatico, salute, economia, giustizia sociale e occupazione, valori e diritti, trasformazione digitale, il posto dell’UE nel mondo, democrazia, migrazione e persino istruzione.

Quindici proposte in discussione – Poiché questi temi sono al centro delle aspirazioni di molti cittadini e delle lavoratrice e dei lavoratori  la Confederazione europea dei sindacati (CES), ha deciso di mettersi in gioco e di essere parte di questo processo senza precedenti di democrazia partecipativa sottoponendo quindici proposte al dibattito. Il movimento sindacale europeo, ad esempio, chiede che  tutti i lavoratori, i disoccupati e i giovani possano beneficiare della protezione sociale. ”  Sono necessarie misure urgenti per combattere la disoccupazione giovanile e le condizioni di lavoro precarie nei settori in cui i giovani sono sovra rappresentati (turismo, economia dei lavori saltuari…)  “.

In termini di occupazione, la CES chiede l’apprendimento permanente e il diritto alla formazione per tutti, come determinato dall’istituzione del primo principio del pilastro europeo dei diritti sociali: Istruzione, formazione e apprendimento permanente :Ogni persona ha diritto a un’istruzione, a una formazione e a un apprendimento permanente di qualità e inclusivi, al fine di mantenere e acquisire competenze che consentono di partecipare pienamente alla società e di gestire con successo le transizioni nel mercato del lavoro” ( Il pilastro europeo dei diritti sociali è stato definito nel 2017 i occasione del vertice europeo di Göteborg. Il pilastro stabilisce 20 principi fondamentali che dovranno guidarci verso un’Europa sociale forte, equa, inclusiva e ricca di opportunità nel XXI secolo).  Infine,la CES chiede  l’istituzione di un nuovo modello economico e di governance per l’UE: “  È necessario andare “oltre il PIL” e costruire un “benessere europeo” inclusivo ed equo. [Dobbiamo] garantire che la competitività economica vada di pari passo con la giustizia sociale e che il benessere dei cittadini sia l’obiettivo delle politiche economiche.  “

Rilanciare il progetto europeo – ”  Questa conferenza deve essere l’occasione per un vero dibattito lungimirante sul futuro dell’Unione europea per garantire che la fine della crisi del Covid-19 apra la strada a un’economia e una società europee più eque”, più inclusive e sostenibili, basate su un rinnovato contratto sociale  ”. Per la CES. “Ci  sono le condizioni per trasformare l’Europa e rilanciare il progetto europeo approfondendolo questioni europee.  La crisi sanitaria ci ha fatto muovere verso una maggiore solidarietà.  “

La costituzione del sistema SURE (dotato di 100 miliardi di euro) per finanziare il lavoro a orario ridotto o la mobilitazione senza precedenti di 750 miliardi di euro lo scorso anno a favore di un piano di rilancio europeo a sostegno delle economie più deboli, più colpite dalla crisi del coronavirus è un buon modello da implementare e stendere.

Sono convinto che la Conferenza Europea sia una buona occasione per  tutti e che dovrebbe vedere il sindacati italiani mobilitarsi perché gli attivisti vi possano partecipare e sostenere le proposte avanzate dalla Confederazione Europea dei Sindacati e presentare loro proposte. Sono convinto che stante i movimenti che si stanno determinando a livello  a livello internazionale lo status quo non basti più e che l’Unione Europea deve reiventarsi e tendere con forza vero una dimensione federale più compiuta.

Gli antieuropeisti e i sostenitori di un Europa conservatrice e liberista non si sottrarranno nel presentare i loro contributi e se non lo fanno i sindacati e in particolare la CISL che ha sempre avuto una forte vocazione europeista, lo faranno altri. Se si vuole un Europa sociale c’è tutto l’interesse che le forze sindacai e sociali facciano partecipare i loro associati e dire con forza quale modello di Europa si vuole.

ISTRUZIONI PER LA CONFERENZA – Ogni cittadino o attore della società civile può organizzare e/o partecipare a dibattiti online o eventi fisici. Sulla piattaforma digitale multilingue , inoltre, possono condividere le proprie idee, inviare contributi, dibattere e confrontare i propri punti di vista sui temi proposti. A breve dovranno essere costituiti panel di cittadini europei (rappresentativi della popolazione europea grazie alla considerazione di provenienza geografica, sesso, età, contesto socio-economico e livello di istruzione) che dibatteranno online sui temi selezionati dai partecipanti e presenteranno le loro  proposte. Le proposte selezionate verranno poi presentate durante le “sessioni plenarie” composte da rappresentanti del Parlamento Europeo, del Consiglio Europeo e della Commissione Europea oltre che dai rappresentanti dei parlamenti nazionali. Le parti sociali europee, compresi i sindacati italiani saranno presenti in questo organismo. 

Savino Pezzotta in “Una crisi come nessu’altra” nella sua ultima “nota dall’orso bergamasco” pone una serie di riflessione e ci sollecita alla partecipazione iniziando con questa premessa “Gli aumenti dei prezzi per il cibo e i servizi mostrano che gli effetti della pandemia sono attualmente in aumento. Questo dà a molte persone l’impressione che qualcosa sia fondamentalmente sbagliato, nella nostra società. Una sostanziale  ristrutturazione e riposizionamento della ragione economica è ormai inevitabile…”. Per proseguire aprire l’allegato.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *