Governo, Grillo al Pd: “Occasione unica, compattiamo i pensieri”. Zingaretti: mai dire mai. Sul suo Blog dice Grillo:Veramente non ci accorgiamo del momento storico, del momento straordinario che è questo? C’è da riprogettare il mondo. C’è da rivedere i paradigmi della crescita, capire cosa deve crescere e cosa no. C’è da rivedere i sistemi industriali, le materie prime, la mobilità…

«Mi rivolgo al Pd. Alla base dei ragazzi del Pd, è il vostro momento questo, abbiamo un'occasione unica, Dio mio, unica». Beppe Grillo lo dice in un video registrato nella sua casa di Genova e pubblicato sul suo blog. «E allora cerchiamo di ricompattare i pensieri – continua-, di sognare un attimo a dieci anni con la visione. Abbiamo un'offerta di tecnologia immensa, dobbiamo decidere che tipo di società vogliamo». Arriva a stretto giro di social network la risposta di Nicola Zingaretti: «Caro Beppe Grillo, mai dire mai nella vita. Cambiamo tutto e rispettiamoci gli uni con gli altri», aggiunge il segretario dem.

Grillo: siate euforici, non parlate di poltrone

In un video tutto declinato in chiave di economia green, Beppe Grillo, che esalta le opportunità offerte dalla tecnologia per rivoluzionare i consumi individuali e collettivi e ripensare il modo di costruire, viaggiare, curarsi, bacchetta chi parla di poltrone invece di manifestare «euforia» per le opportunità che si presentano di cambiare il Paese e il mondo. In un passaggio del video pubblicato sul suo blog, si scaglia contro la «mancanza di euforia» e punta l'indice: «Dovete sedervi attorno a un tavolo ed essere euforici perché appartenete a questo momento straordinario» in cui «cambiare tutte le tecnologie, per la casa, l'acqua, la sanità, abbassare il consumo energetico, passare dalle 40 ore alle 20 ore settimanali…» e invece «ci abbrutiamo, parliamo di questo posto da dare a chi».

Guarda il video di Beppe Grillo     https://youtu.be/QvthksAN7qI

Quindi, arriva un appello: «Mi rivolgo al Pd, alla base dei ragazzi del Pd: siate contenti, è il vostro momento questo, abbiamo un'occasione unica, dio mio, unica!, che non si riproporrà più così… Cerchiamo di compattare i pensieri, di sognare a dieci anni…che tipo di società vogliamo…». Il video procede con uno sfogo sull'incapacità di riprogettare l'idraulica domestica e anche la mobilità pubblica e si chiude così: «E invece ci perdiamo in questa roba qui che non si capisce più. Sono esausto, basta». 

31 Agosto 2019  La Stampa       https://www.lastampa.it/politica/2019/08/31/news/governo-grillo-al-pd-occasione-unica-compattiamo-i-pensieri-zingaretti-mai-dire-mai-1.37401322

*********************************************

Governo, Conte: "Lavoro a programma condiviso, le cose vanno bene". Zingaretti: "Via i vicepremier, sblocchiamo la situazione"

Il premier incaricato: "Definirmi cinquestelle è inappropriato". Aspetterà il responso della piattaforma Rousseau e scioglierà la riserva "martedì, massimo mercoledì". Il segretario dem riprende il tweet di Franceschini che propone di escludere dall'esecutivo i vicepremier.

Decolla la trattativa tra M5s e Pd sul programma del nuovo governo guidato da Giuseppe Conte. Che interviene in diretta da Palazzo Chigi alla festa del Fatto Quotidiano alla Versiliana e rassicura: "Lavoro al programma, le cose vanno bene". E chiarisce che non si tratta di un contratto, come nella precedente formula di governo M5s-Lega. Bensì un "programma condiviso nei principi" da entrambe le forze politiche, "dove sarà difficile distinguere una misura o un obiettivo che sta a cuore a l'una o all'altra forza politica".

Nei negoziati tra Pd e M5S per il nuovo governo c'è "un buon clima di lavoro, sono entrambi predisposti per un progetto comune dedicato al Paese, hanno molta consonanza in diversi punti programmatici", continua il premier incaricato. E conferma l'intenzione di aprire "un'ampia stagione riformatrice", affermando che "il tema ministri non è una priorità". Ribadisce poi di aver rifiutato il nuovo sostegno della Lega: "Non sono un premier per tutte le stagioni". Ammette la vicinanza al M5s (è il partito che ha votato alle ultime politiche "perché ero indicato come ministro") anche se puntualizza: "Definirmi premier cinquestelle è inappropriato". E condivide l'esortazione di Beppe Grillo, che ieri ha spinto per l'intesa. Infine si impegnerà a evitare "una squadra tutta maschile".

Pd, l'esponente più giovane risponde a Grillo: "Ci siamo, rivoluzioniamo la politica"

Oggi potrebbe tenersi un nuovo vertice tra premier, Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti per sciogliere il nodo vice. Ma su questo non ci sono conferme. Il presidente incaricato, sostenuto anche dalla stampa internazionale nonché dai mercati finanziari, punta a chiudere "martedì o al massimo mercoledì" come ha confermato anche alla Versiliana, sciogliendo la riserva solo dopo il voto della piattaforma Rousseau, che dovrebbe svolgersi domani.

Uno dei nodi irrisolti è quello del vicepremier, con Di Maio che non ha ancora rinunciato a quella casella. E su questo interviene l'ex ministro della Cultura, il Pd Dario Franceschini che – riprendendo le sollecitazioni di Grillo – propone di eliminare lo schema dei due vicepremier: "Per una volta #BeppeGrillo è stato convincente. Una sfida così importante per il futuro di tutti non si blocca per un problema di 'posti'. Serve generosità. Per riuscire a andare avanti allora cominciamo a eliminare entrambi i posti da vicepremier". Franceschini peraltro era il candidato più probabile per l'ipotesi di un vicepremier Pd.

Un messaggio ritwittato dal presidente dem, Paolo Gentiloni, dal vicesegretario, Andrea Orlando, dall'esponente renziana Maria Elena Boschi. E ripreso dal segretario Nicola Zingaretti: "Un altro contributo del Pd per sbloccare la situazione". La conferma che il Pd si è ora attestato su questa posizione.

A Grillo risponde su Twitter anche il più giovane dell'Assemblea P, Giovanni Crisanti "Beppe Grillo chiedi ai ragazzi Pd collaborazione. Da membro più giovane dell'Assemblea Nazionale ti dico, ci siamo. Rivoluzioniamo la politica: due forze diverse, in gioco con un programma condiviso. Serve serietà. Non sgambetti @pdnetwork".

Le prossime tappe –Ma quali sono le prossime tappe del cammino del governo giallo-rosso? Vediamole giorno per giorno. 

Lunedì 2 settembre –Domani (o al massimo martedì) gli iscritti del Movimento dovrebbero votare sull’alleanza con il Pd. Ma la formulazione del quesito su Rousseau non è ancora chiara. 

Martedì 3 settembre – Il presidente del Consiglio incaricato dovrebbe tornare dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella per sciogliere la riserva e presentare un documento programmatico e una lista dei ministri sulla quale confrontarsi con il Capo dello Stato. 

Giovedì 5 settembre – Il presidente del Consiglio e i ministri potrebbero salire al Quirinale per prestare giuramento nel Salone delle Feste davanti al presidente della Repubblica.

Venerdì 6 settembre – Il governo si presenterà alle Camere per ottenere la fiducia. Venerdì potrebbe essere fissato il voto a Montecitorio e successivamente al Senato.

01 settembre 2019  La Repubblica  http://www.repubblica.it/politica/2019/09/01/news/governo_giallo-rosso_conte_punta_a_chiudere_martedi_le_tappe-234858396/?ref=RHPPLF-BL-I234835228-C8-P1-S1.8-T1

Articoli Correlati 

 “sarà un governo salvo intese”

Si accelera per l'esecutivo M5S-Pd. Grillo benedice l'intesa: "Occasione unica"

L'editoriale Un matrimonio bellissimo di CARLO VERDELLI

Pd, l'esponente più giovane risponde a Grillo: "Ci siamo, rivoluzioniamo la politica"

….e per sorridere un pò  ascoltate l'ironia di  Maurizio Crozza nel monologo su Salvini e Di Maio

vedi allegati

  • Ok di Zingaretti a proposta Franceschini, Conte condivide appello Grillo_Stampa
  • Intervista di Matteo Renzi al Sole 1-9-19

 

 

 

Allegato:
ok_di_zingaretti_a_franceschini_e_di_conte_a_grillo_stampa.doc
intervista_a_renzi_su_il_sole.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *