Il sito www.Sindacalmente.org è in rete dal 2009. E’ gestito da sindacalisti e ex sindacalisti torinesi, da militanti, da intellettuali e protagonisti di battaglie per i diritti dei lavoratori e dei cittadini. Pubblica articoli, schede di lettura, per favorire l’analisi socio-politica  e dare un contributo per l’’unità dei  sindacati, condizione indispensabile per incidere nella nuova realtà del mercato globale e della prepotenza della speculazione finanziaria internazionale..

Chi siamo e per quali finalità

Il sito www.Sindacalmente.org è in rete dal 2009, i cambiamenti in dieci anni sono stati intensi in tutti i campi sospinti dalla rapidità delle innovazioni. Anche la nostra identità è ora definita in “anime diverse di sindacalisti con o senza più tessera”, in un’epoca in cui i confini, anche per identificare l’appartenenza, sono meno definibili di un tempo.

In questi dieci anni Internet (World Wide Web) è profondamente cambiata: ideata come rete mondiale libera per l’informazione, la conoscenza e la partecipazione (come lo sono tutt’ora social work tematici e di ricercatori), si è trasformata in strumento per piattaforme (per la politica, per l’economia, per i consumi, per la definizione di profili, il controllo delle nostre abitudine e privacy) governate da ristretti e anonimi vertici che considerano la persona come un oggetto da “riempire” di consigli e suggerimenti per il comportamento politico, sociale e consumistico, con un’abbondanza di “propaganda e pubblicità ingannevole”. Le nuove tecnologie digitali sono state utilizzate – prevalentemente – per rafforzare nuove forme d’autoritarismo, trasformando il funzionamento di democrazie formali su base elettiva (sia per gli stati, sia per organizzazioni di massa) in una sorta di demokrature.

Il senso critico è tra le prime grandi vittime di questo avvio di secolo. Siamo convinti che alle Organizzazioni serva valorizzarlo, in quanto è un ingrediente per avanzare idee e proposte, dando meno spazio alle adulazioni ai vertici e allo stare “nel coro”,

Nel nostro “piccolo” ambito vogliamo remare controcorrente in questo fiume impetuoso, come già fanno altri, recuperare lo spirito originario della rete come strumento di partecipazione, di sollecitazione del senso critico, dell’interesse a “scrivere e leggere” insieme, presupposti per contribuire a definire una “visione” della società in cui desideriamo e “sogniamo” di vivere e di un sindacato in cui vogliamo sperimentare forme di democrazia partecipata, consapevole e in determinati casi diretta. In tal senso vanno le esperienze del 2018 e 2019 (seminari e tavole rotonde on line) che abbiamo sostenuto con questo sito.

Siamo convinti che il motto del maestro Alberto Manzi “Non è mai troppo tardi” è sempre di grande attualità. L’analfabetismo di ritorno è un grande pericolo per la società e colpisce in particolare le classi popolari, i senza lavoro, il lavoro povero; porta con sé meno informazione e meno cultura, favorendo l’indifferenza, le ostilità verso fenomeni epocali quali ad esempio l’immigrazione.

Di quel gruppo promotore di dieci anni fa, alcuni ci hanno lasciato per sempre come i compianti Alberto Tridente e Vittorio Rieser, altri hanno dedicato il loro impegno in altre attività. Con la modernizzazione del format ci proponiamo di utilizzare il vasto patrimonio d’archivio, e con l’esperienza e le conoscenze conseguite alimentare la speranza per una società che per un verso “smetta” di trascurare i giovani e il loro futuro; per l’altro tenga viva l’attenzione sul presente degli gli anziani in continua crescita, e relativa quota di non autosufficienti. La nostra visione di futuro mettendo al centro una società con una diversa redistribuzione del tempo di lavoro a favore di attività della vita nel senso più ampio, dalla formazione continua alla cultura, dalle attività per un solidarismo comunitario alla salvaguardia dell’ambiente e dei beni comuni, per nuove frontiere della solidarietà interna e tra i popoli.

Ci convince ancora quella definizione dell’autonomia sindacale degli anni 60-70: “L’autonomia è un modo di pensare, analizzare, di decidere, di agire, di reagire; è un attitudine che matura nel profondo della coscienza di ciascuno, che si alimenta della capacità quotidiana di rivivere, soffrire, ed interpretare la condizione operaia. Tende a morire quando il legame con la classe lavoratrice si allenta; si esprime nella sua pienezza quando tale legame si rinsalda e si approfondisce. L’autonomia, quella vera, è un fatto di costume e un fatto di cultura”.

Per questo operiamo, per sentirci utili per noi e per gli altri, per il nostro prossimo.

La continuazione di www.sindacalmente.org è stata possibile, con questo indispensabile nuovo format, grazie ai contributi di nostri simpatizzanti, e in particolare di E’ mai tardi”, associazione spontanea costituitasi all’inizio del 2020, che utilizza e collabora con questo sito, salvaguardando la propria autonomia.

Le funzioni operative e di redazione del sito sono ancora espletate da Toni Ferigo e Adriano Serafino.

Nota – L’archivio di sindacalmente.org  contiene oltre 4.000 articoli  e circa 10.000 allegati.