Le promesse e le azioni dei nuovi movimenti politici sono sempre più al centro del dibattito accademico. Dalla Francia una nuova stagione di discussione. Damiano Palano in Le derive populiste e la democrazia che sarà, su L’Avvenire, commenta il recente libro di Yves Mény * che argomenta come  la sfida verso una “democrazia 3.0  passa attraverso la necessità di trovare una strada alternativa a una globalizzazione senza regole e a forme di governo schierate in difesa di un “demos” (governo popolare) sempre più simile a un “ethnos” (comune discendenza, etnia, nazione).

(…) In una celebre conferenza della metà degli anni Ottanta, Nor­berto Bobbio individuò una se­rie di grandi "promesse" che la de­mocrazia reale non era stata in gra­do di mantenere. I pensatori demo­cratici moderni avevano infatti con­fidato che, una volta consegnato al popolo lo scettro del potere, la poli­tica avrebbe cambiato volto: le oli­garchie sarebbero scomparse, i rap­presentanti avrebbero agito senza su­bire condizionamenti, l’uguaglianza si sarebbe estesa a tutti gli ambiti e i cittadini avrebbero conquistato una cultura politica responsabile. Natu­ralmente, lo riconosceva lo stesso Bobbio, non tutte quelle promesse e- f ano davvero realizzabili.(…)

Anais Ginori, su La Repubblica, pubblica “Se il popolo è nemico di sé stesso” ponendo domande a Yves Mény il politologo francese che nel suo ultimo libro indaga la crisi delle democrazie occidentali che “sono minate dall’eccesso di liberalismo””:

* Yves MényPopolo ma non troppo – Il malinteso democratico Il Mulino. Pagine 210. Euro 15,00

Allegati

–  Le derive populiste e la democrazia che sarà, Damiano Palano  L’Avvenire

– Se il popolo è nemico di sé stesso  intervista a Yves Meny di Anais Ginori La Repubblica

Articolo correlato

– La democrazia nellera digitale_De Lungo_I Tempo

Allegato:
le_derive_populiste_merry_palano.doc
se_il_popolo_e_nemico_di_se_stesso_meny_ginori.pdf
la_democrazia_nellera_digitale_de_lungo_tempo.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *