Il Piano in 5 punti in attesa di una terapia e di un vaccino (12-18 mesi)

Il Piano Sanitario in 5 punti per la Fase 2 – I Comitati Scientifici che operano nel mondo su un punto concordano: un vaccino anticoronavirus potrà essere pronto, se scoperto dagli scienziati, non prima di 12-18 mesi;  al momento non esiste  un protocollo e una terapia (farmaci-tempistica per ossigeno) per chi è stato infettato da coronavirus. Qualsiasi ipotesi di graduale ripresa produttiva per i settori e per le attività che sono state fermate con i recenti Decreti, che comporterà milioni di persone che usciranno di casa e viaggeranno su trasporti collettivi, dovrà scontare la convivenza con un coronavirus ancora attivo e contagioso anche se rallentato. Pertanto potrà avvenire, dopo aver accertato la progressiva discesa della curva dei contagiati, alla condizione che sia a regime il piano sanitario, articolato in cinque punti, che il ministro della Salute Speranza ha esposto nell’intervista rilasciata domenica 5 Aprile. (v.allegato )

1 – mascherine generalizzate (gli asintomatici sono potenti diffusori di contagio!)  e scrupoloso distanziamento sociale nei luoghi di vita e di lavoro, (v. tre allegati su tipologie mascherine e stato dei rifornimenti per attrezzature e Dispositivi di protezione individuale Dpi)

2 – rafforzamento delle reti sanitarie locali con la garanzia dei Dispositivi di protezione individuali per medici, infermieri e personale;

3 – istituzio­ne di nuovi Covid-Hospital

4 – creazione di un’App che con­senta di mappare tutti gli sposta­menti del malato nelle 48 ore pre­cedenti il contagio e permetta nel­lo stesso tempo di avviare una ve­ra e propria «cura domiciliare» at­traverso test clinici e contatti di­retti con i medici.

5 – la mappatu­ra di tutti i contagiati, con la colla­borazione dell’Istat, e soprattutto con l’effettuazione di test ( sia tamponi, anche in macchina, sia sierologici) a tutte le persone di quelle aree territoriali (condomini, quartieri, comuni, aziende, servizi, ecc) che potrebbero diventare focolai a seguito della presenza di una persona infettata da coronavirus che è stata accertata.

In quei cinque punti si ritrovano anche le risposte al documento dell’Ordine dei Medici e Odontoiatri della Lombardia che hanno denunciato i sette errori della gestione sanitaria in Lombardia. (v.allegato)

“Saltati i filtri sul territorio” Ecco la falla del Piemonte . Lettera aperta dei medici alla Regione “Troppe criticità, bisogna cambiare” (v.allegato)

L’Istituto Superiore di Sanità ha comunicato che, al 6 Aprile, sono 12.681 gli operatori sanitari contagiati in Italia. Sale a 94 il numero dei medici morti a causa del Covid 19; sono 26  gli infermieri e 6 i farmacisti. (v.allegato)

Aggiornamento in tempo reale Mappa del contagio nel mondo

https://ncov2019.live/ un clic su questo link

Quello che si deve sapere sul corona virus – Guida de Il Sole –

https://lab24.ilsole24ore.com/coronavirus-italia-tutto-quello-che-ce-da-sapere/

PER SAPERNE DI PIU’ APRIRE GLI ALLEGATI: