IL DIVARIO FRA DOMANDA E OFFERTA DI LAVORO: UN PROBLEMA INSOLUBILE? Un’analisi del fenomeno nella Città Metropolitana di Torino. A cura di Mauro Zangola. Un libro di 104 pagine di grande utilità per tutti coloro che ritengono prioritarie le politiche attive del lavoro per rimuovere la sonnolenza che impedisce di avviarci in questo percorso praticato da tempo da altri paesi europei. La prefazione, la finalità, e l’indice dei capitoli (con autori diversi) qui richiamati già consentono di suscitare vivo interesse alla lettura.

Dalla prefazione di  Francesco Devalle  Il mancato incontro fra domanda e offerta di lavoro è uno dei paradossi del mercato del lavoro a Torino come in tutte le aree sviluppate del Paese. Un problema complesso che alimenta la disoccupazione soprattutto giovanile, frena lo sviluppo competitivo delle imprese e comporta uno spreco di risorse e un sottoutilizzo del capitale umano. Un problema che si trascina da tempo e a tutt’oggi ancora privo di soluzione come documentano le rilevazioni di Unioncamere secondo le quali le imprese fanno fatica a trovare in media un terzo delle professioni di cui hanno bisogno. Che cosa fare per risolvere questo problema o quantomeno ridurne l’impatto sul tessuto socio economico? E’ la domanda che si è posta l’Associazione Rotary Club Torino Sud Est dopo un approfondito esame dei fattori che contribuisco ad alimentarlo a livello macro e a livello micro dal lato dell’impresa e del lavoratore. Nell’intento di offrire un contributo al superamento di questo paradosso abbiamo ritenuto che la cosa migliore da fare fosse quella di ascoltare i soggetti coinvolti a vario titolo per sapere come valutano il problema, come lo affrontano e cercano di risolverlo. (…)

Dalla “Finalità dello studio” di Mauro Zangola. In questo capitolo sono riportati i risultati di uno studio che si propone di inquadrare il problema del divario fra offerta e domanda di lavoro all’interno del tessuto economico piemontese e torinese. Il disallineamento è un “paradosso” che si trascina da tempo e che risente di molti fattori tra i quali gli effetti prodotti dalle fasi alterne della congiuntura economica e dei suoi riflessi sul mercato del lavoro. Ciò è vero soprattutto in una fase drammatica come quello che abbiamo vissuto e stiamo ancora vivendo a causa dell’epidemia da COVID-19. Abbiamo pertanto ritenuto opportuno inserire il problema del divario all’interno del mercato del lavoro torinese e piemontese che sta tentando di uscire dalla fase più difficile della crisi da Coronavirus. La dimensione del divario fra domanda e offerta di lavoro ha risentito e risente non solo della congiuntura ma anche e soprattutto delle caratteristiche e dei cambiamenti intervenuti nella domanda e nell’offerta di lavoro. Abbiamo pertanto concentrato l’attenzione sulle caratteristiche delle persone occupate e di quelle che sono alla ricerca di lavoro attingendo a varie fonti di dati e informazioni. Definiti questi contesti abbiamo elaborato un quadro delle figure professionali più difficili da trovare attingendo alle dichiarazioni fornite dalle imprese torinesi nelle periodiche indagini del Sistema Informativo Excelsior promosso da Unioncamere e dal Ministero del Lavoro. Il confronto tra i fabbisogni insoddisfatti di professionalità e le caratteristiche della domanda e dell’offerta di lavoro ha consentito di definire con maggior precisione le peculiarità e l’impatto del problema nel contesto economico torinese e piemontese.     In allegato il testo in pdf del libro

  • indice
  • Prefazione di Francesco Devalle
  • Domanda e offerta di lavoro nella città metropolitana di Torino  di Mauro Zangola
  • Il lavoro dei giovani in un mondo che cambia in fretta  di Cristina Maccari
  • Alla ricerca del lavoro perduto di Massimo Richetti
  • Dal “sapere” al “saper diventare”  di Marco Muzzarelli
  • Non tecnico, ma tecnologo. Ripensare il sistema dell’istruzione tecnica in Italia di Tommaso De Luca
  • L’università di torino e le didattiche per accompagnare al lavoro  di Barbara Bruschi
  • Dal politecnico di torino al mondo del lavoro: avvicinarsi  a contesto produttivo  di Carla Chiasserini
  • Giovani e futuro: una scommessa vincente!  di Sigfrido Pilone
  • I giovani e l’apprendistato: crescita economica e culturale  di Pietro Viotti
  • Il Piemonte e le politiche attive del lavoro: da dove ripartire?  di Federica Deyme e Serena Pasetti
1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] non si siano utilizzati studi recenti, come ad esempio l’ultimo coordinato da Mauro Zangola, vedi https://sindacalmente.org/content/paradossi-del-mismatch/. Lo stupore, in realtà, è anche un pretesto e fa da apripista ad un’altra considerazione, […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *