Mazzucato e Piketty sostengono una legislazione europea più forte sui salari – Due dei principali economisti europei stanno sostenendo le richieste di una forte direttiva dell’UE su salari minimi adeguati come parte cruciale della ripresa dalla crisi di Covid. In un intervento significativo che coincide con il vertice sociale dell’UE a Porto, una lettera aperta firmata dai professori Mariana Mazzucato e Thomas Piketty afferma che la direttiva rappresenta un “cambiamento di paradigma” nella politica della Commissione europea rispetto alla sua risposta alla crisi finanziaria. Accogliendo favorevolmente la direttiva, gli economisti sostengono che sostenere i salari minimi con una legislazione assicurerebbe davvero che le persone che lavorano non vivranno più al di sotto della soglia di povertà.

La lettera, firmata anche da altri rinomati economisti di tutta Europa, conclude:

“La proposta di direttiva è un passo nella giusta direzione, ma sono necessarie misure più forti per garantire il rispetto del diritto alla contrattazione collettiva per i sindacati per negoziare migliori retribuzioni e condizioni per i lavoratori e aumentare i salari minimi legali a un livello che assicuri almeno tenore di vita dignitoso. Salari minimi adeguati e una forte contrattazione collettiva non sono solo un bene per le persone, ma chiaramente anche per l’economia “.

Attualmente, i salari minimi di legge in 20 Stati membri dell’UE sono fissati così bassi che i cambiamenti richiesti dai sindacati comporteranno aumenti salariali tanto necessari per oltre 24 milioni di lavoratori. Anche la povertà lavorativa è in aumento in Europa a causa del fatto che almeno 3 milioni di persone hanno perso i benefici dei salari e delle condizioni di lavoro contrattati collettivamente dal 2000. L’evidenza mostra che i paesi con bassi livelli di lavoratori coperti dalla contrattazione collettiva hanno i salari più bassi. 

I correlatori del Parlamento europeo, sostenuti dai sindacati e ora massimi economisti, hanno presentato emendamenti per rafforzare la direttiva che includono:  

  • Una “soglia di decenza” che garantirebbe che il salario minimo di legge non possa essere inferiore al 60% del salario mediano e al 50% del salario medio negli Stati membri.
  • Garantire che l’aggiudicazione degli appalti pubblici sia solo alle aziende che rispettano il diritto dei lavoratori di aderire a un sindacato e di contrattare collettivamente.
  • Dare ai sindacati il ​​diritto di accedere ai luoghi di lavoro e la protezione contro le violazioni sindacali da parte dei datori di lavoro.

La CES ha anche ricevuto un messaggio di sostegno dal professor James K Galbraith, che ha affermato: “Come economista e studioso di sistemi comparati, posso affermare categoricamente che i paesi e le regioni con salari minimi elevati, sindacati forti e standard di lavoro hanno prestazioni economiche migliori, inclusa una disoccupazione inferiore, rispetto a quelli che mancano in questo senso. Per questo motivo ho ha sempre sostenuto con forza i movimenti per aumentare il salario minimo e rafforzare i diritti dei lavoratori negli Stati Uniti”.

“Molti degli economisti più rispettati d’Europa stanno dicendo forte e chiaro che l’aumento dei salari minimi è positivo per l’economia”, ha affermato Esther Lynch, vicesegretario generale della CES. “È un messaggio importante per l’UE e gli Stati membri in questo momento in cui la direttiva sui salari minimi adeguati è in discussione al Parlamento europeo e l’UE tiene il suo primo vertice sociale da molti anni”.

Per prender visione dell’elenco dei firmatari un clic sul link del sindacato europeo (eutc) https://www.etuc.org/en/pressrelease/mazzucato-and-piketty-support-stronger-eu-wage-law

1 commento
  1. GIULIO COMETTO
    GIULIO COMETTO dice:

    IL SALARIO MINIMO PER LEGGE è UNA MISURA DI CIVILTA?
    Se aspettiamo la contrattazione sindacale, i lavoratori possono morire di fame,,con i salari che si percepiscono
    in molti settori.. I sindacati confederali sanno solo più contrattare al ribasso, nel migliore dei casi sono ormai ininfluenti

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *