Nel settore del food delivery la multinazionale Just Eat avvia la “rivoluzione” e come preannunciato assume con contratto a tempo indeterminato mille cicofattorini. A marzo parte Monza, contratti a 40 ore, part time e a chiamata, 9 euro all’ora più bonus consegne.

Enrico Netti,  su Il Sole 5-2-21, così commenta.

Più di mille ciclofattorini assunti direttamente con contratto di lavoro subordinato da Just Eat. Quasi una rivoluzione per il mondo delle piattaforme di food delivery. A marzo si inizierà da Monza proseguendo con Brescia, Verona, Parma, Reggio-Emilia per arrivare a Milano ad aprile.

la grande conquista del contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato

Debutterà così anche in Italia il modello Scoober, dal nome della app usata dai riders. Il contratto offerto da Just Eat prevede l’assunzione diretta con contratto full time per 40 ore settimanali, part-time e a chiamata. Per quanto riguarda la parte economica la società riconosce un compenso orario medio di circa 9 euro l’ora. È la paga base per attività analoghe, indipendentemente dalle consegne fatte, con le maggiorazioni di legge mentre sono previsti dei bonus in funzione delle consegne fatte.

La società fornirà gratuitamente dotazioni di sicurezza come casco, indumenti ad alta visibilità, antipioggia e zaino per il trasporto del cibo oltre agli strumenti per igienizzare l’attrezzatura e le mascherine. «L’introduzione di un modello di lavoro dipendente per i rider – spiega Daniele Contini, manager di Just Eat in Italia – rappresenta una scelta etica e di responsabilità, in linea con la strategia che il gruppo porta avanti con successo in altri paesi europei. È un grande investimento, economico e sulle persone, che ci permetterà di operare con rider tutelati dal punto di vista contrattuale e anche di supportare ulteriormente lo sviluppo del servizio in Italia».

Per i rider verranno organizzati progetti di formazione su Scoober, sicurezza e trasporto alimenti . Questo di Just Eat sembra un contratto destinato a superare quello discusso firmato lo scorso anno da Ugl e piattaforme Assodelivery.

La multinazione creerà dei centri logistici in alcune città dove i fattorini potranno ritirare ebike e scooter elettrici. Just Eat ha anche costituito Takeaway.com con un centinaio di addetti dedicati al coordinamento delle attività di Scoober, delle assunzioni e della gestione operativa dei rider.

Vedi articolo correlato con questo link https://sindacalmente.org/content/just-eat-fa-sul-serio/

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *