,

Il 45% GUADAGNA MENO DI 780€ – al Sud – è un problema! Da p.zza San Giovanni una risposta?

Lavoro: metà dei dipendenti al Sud guadagna meno del reddito di cittadinanza. Marzio Bartolini, su Il Sole, inizia così. Si chiama “effetto spiazzamento” ed è quello che potrebbe avvertire quasi metà (il 45% per l’esattezza) dei lavoratori dipendenti privati del Sud che – conti alla mano – guadagnano meno dei futuri percettori del reddito di cittadinanza da 780 euro. Il numero è contenuto in una dettagliatissima analisi depositata da Tito Boeri, presidente dell’Inps, durante l’audizione al Senato sugli effetti del reddito di cittadinanza così come è stato disegnato nel decreto approdato in Parlamento. Inps che avrà il compito di verificare – in base proprio ai dati in suo possesso – i requisiti dei richiedenti il reddito di cittadinanza.

«Il problema – scrive il testo dell’analisi messa a punto dal presidente uscente dell’Inps Tito Boeri – è che il Reddito di cittadinanza fissa un livello di prestazione molto elevato per un singolo». Il riferimento è la possibilità di accedere a un reddito di cittadinanza di 780 euro per un singolo senza reddito. Un fatto che ha come «ulteriori controindicazioni il fatto di rischiare di spiazzare i redditi di lavoro». Il nodo infatti è che «secondo i dati Inps – avverte la relazione depositata in Senato quasi il 45% dei dipendenti privati nel Mezzogiorno ha redditi di lavoro netti inferiori a quelli garantiti dal reddito di cittadinanza a un individuo che dichiari di avere un reddito pari a zero». (…) per continuare aprire l'allegato

 

Allegato:
lavoro_meta_al_sud_guadagna_meno_di_780_eu_bartolini.doc
reddito_cittadinanza_attivo_il_sito.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.