Sta per cadere il grande  tabù per la lotta all'evasione internazionale? Più volte è stato annunciato il superamento del segreto bancario a livello internazionale. Il segreto bancario dei conti svizzeri ed altri paradisi fiscali. L'Italia ne beneficerebbe molto visto che la stima dei depositi di italiani in territorio elvetico è di circa 120 miliardi di euro. Insomma, il Fisco italiano sarebbe in grado di ricostruire i capitali trasportati illecitamente oltre la frontiera di Chiasso. Nei mesi scorsi l'Italia aveva iniziato a percorrere la strada degli accordi Rubik, firmati anche da Austria, Regno Unito e Germania (anche se poi il Parlamento tedesco ha bloccato l'intesa). Lo schema prevede il mantenimento dell'anonimato sui conti in cambio di una tassazione a forfait sul passato e un prelievo standard per il futuro. Una strada su cui poi ci sono stati rallentamenti visto che l'allora ministro dell'Economia, Vittorio Grilli, aveva esplicitamente escluso la possibilità di arrivare a una sanatoria. Il cambio di prospettiva in chiave anti-evasione e anti-riciclaggio assomiglia, quindi, a una vera e propria svolta.

  • Vedi l'allegato con due articoli pubblicati su Il Sole 24 Ore
  • Vdi articolo su evasione e pene in Cina

Allegato:
svizzera_verso_laddio_del_segreto_bancario.doc
cina_truffe_e_pena_di_morte.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *