Dal sito www.il9marzo.it –  Il saluto di Luigi Bombieri – Luigi Bombieri, già segretario della Fnp del Veneto, ci manda questa sua lettera aperta a Piero Ragazzini, segretario generale della Fnp,  in cui saluta l’organizzazione dopo 52 anni. Diceva Fausto Scandola: dare la disdetta non serve, bisogna combattere, bisogna impegnarsi. Naturalmente, la cosa vale anche per chi non dà la disdetta, e non fa niente di fronte al degrado dell’organizzazione. Perché la differenza non è fra chi resta e chi se ne va. La differenza è fra chi prende posizione e chi sta zitto e tira avanti facendo finta di niente. E Luigi è fra quanti hanno deciso di farsi sentire.  il9marzo.it  10-1-2022

Caro Fausto: dagli amici ci guardi Dio……..

Lettera aperta al Segretario Generale della FNP CISL Piero Ragazzini

Caro Segretario il 28 giugno 2021 hai partecipato al nostro Consiglio Generale, chiamato dal Segretario Generale della FNP CISL di Verona in sua difesa, ovviamente era tuo dovere difendere non tanto la persona, quanto ciò che rappresenta. Però ti sarai anche reso conto che il clima non era dei migliori a causa della personalissima e approssimativa applicazione dei regolamenti e soprattutto del comportamento dispotico del Segretario il quale, con la complicità dei suoi asserviti, dirige la nostra Associazione come un Circolo privato. Forse dovresti fare una verifica su come viene governata la FNP CISL di Verona. Se quanto ti arriva corrisponde al vero e soprattutto se ti senti di avallare i comportamenti del Segretario riconfermato a stretta maggioranza nell’ultimo Congresso.

Ai metodi antidemocratici, all’incompetenza dimostrata, alle ripetute violazioni statutarie, ai regolamenti e al Codice Etico, il Segretario Generale ha sopperito con il pugno di ferro. “O sei con me, o sei contro di me “, Questa è una frase che rientra nel suo linguaggio. Democrazia e trasparenza sono state sostituite con “qui comando io”. Ad aggravare la situazione è in corso una vera epurazione contro tutti coloro che si sono macchiati del CRIMEN LAESAE MAIESTATIS e tutto questo con tacito o assecondato consenso del Segretario Generale UST CISL di Verona e forse anche un po’ più in su. Qualcuno dovrebbe far capire a questo Segretario e ai suoi afacionados che nello Statuto della CISL le epurazioni non sono contemplate. Queste appartengono ai dittatori di altri tempi e ad altri regimi.

Caro amico Fausto, hai commesso un errore anche tu, hai riposto la tua fiducia nella persona sbagliata. Nella FNP di Verona hai portato il cavallo di Troia. Rimani sempre e comunque nel mio cuore e perdonami, ho esaurito le forze, ma soprattutto mi vergogno di rimanere in questa associazione.

Luigi Bombieri ex Segretario Provinciale, ex Segretario FNP CISL Veneto e dopo 52 anni di militanza attiva nella cisl, non appena cesserà la trattenuta sulla pensione, sarò ex iscritto

Con questo link leggi i commenti all’articolo https://www.il9marzo.it/?p=8770

Il diritto di critica è contagioso – In attesa di inventare un vaccino contro l’esercizio del diritto di critica, la dirigenza della Fnp di Verona ha cominciato ad usare la prevenzione. E così Luigi Bombieri, dopo aver espresso le sue critiche che qui abbiamo pubblicato, si è trovato escluso dall’accesso all’intranet della Cisl nonostante la sua iscrizione sia ancora valida e in corso. Come se fosse portatore di un virus che non deve circolare, altrimenti si rischia il lockdown dell’organizzazione.

E, in effetti, qualche sede in provincia di Verona pare abbia dei problemi a stare aperta, visto che il criterio della fedeltà al capo (e al capo del capo) tende sempre a diventare maniacale e ad essere applicato come quando Stalin ordinò di fare pulizia nel partito comunista sovietico: se non si fosse fermato per tempo, sarebbe rimasto da solo.

Invece noi siamo contenti di dare qui a Luigi quel diritto di parola che ad altri fa così tanta paura da mettersi le mascherine, detergersi le mani e mantenere il distanziameno sociale al solo sentirne parlare. E ad agire in base all’articolo non scritto dello statuto che però è il più applicato: l’esercizio di critica è permesso, a patto che non venga esercitato.  il9marzo.it  

Dopo la mia lettera aperta al Segretario Nazionale Piero Ragazzini, la segreteria di Verona ha provveduto a farmi bloccare l’accesso a FirstClass. Altro sintomo di debolezza del Segretario della FNP di Verona e ulteriore violazione dello Statuto. Art. 4 dello Statuto FNP CISL…….gli iscritti hanno diritto ad essere adeguatamente informati e coinvolti nelle decisioni che li riguardano e possono esercitare il diritto di critica nei confronti dei dirigenti sindacali, nei limiti previsti dal presente Statuto ed in termini democraticamente e civilmente corretti.

Comunque ciò non mi impedirà di esternare il mio pensiero e le denunce sulle continue violazioni dei regolamenti da parte del mio (ancora per poco) Segretario.

Luigi Bombieri 14-1-2022

2 commenti
  1. Fabrizio Carta
    Fabrizio Carta dice:

    Conosco Luigi Bombieri e lo stimo e mi dispiace molto la sua decisione di voler lasciare l’iscrizione alla CISL, che comunque comprendo. Mi sarebbe piaciuto che rimanesse all’interno e che esercitasse il suo diritto/dovere di critica, in nome di un pluralismo che ha sempre contraddistinto la nostra organizzazione. Si dovrebbe sempre applicare l’insegnamento di Voltaire: posso non condividere quello che pensi o dici, ma mi batterò fino alla morte perché tu abbia il diritto di esprimere il tuo pensiero.

    Rispondi
  2. redazione
    redazione dice:

    SAVINO PEZZOTTA – Ogni amico che lascia l’organizzazione è una sofferenza per chi considera il sindacato una comunità di persone impegnate per la solidarietà, l’uguaglianza e l’emancipazione dalle ingiustizie, Pertanto che l’amico Luigi lasci la cisl mi addolora ma comprendo i suoi motivi e le sue ragioni, non sempre si può chiedere a degli amici di restare quando per loro l’aria è irrespirabile. Ma credo che una battaglia si possa continuare attraverso la associazione PRENDERE PAROLA che è nata con lo scopo di mantenere viva l’aspirazione al Sindacato Nuovo, di cui la nostra democrazia ha bisogno. Siamo una piccola cosa, ma possiamo essere il virus che contamina. Luigi ti invito a essere con noi. Ciao Savino

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *