La lunga intervista del ministro Corrado Passera, pubblicata su Il Sole 24 Ore, è interessante ed importante per capire in cosa può consistere l’intervento del governo Monti per uscire dalla recessione innescandola ripresa economica e produttiva  marzo. :«Tra pubblico e privato ci sono 100 miliardi di debiti non pagati che frenano lo sviluppo economico» afferma il ministro che approfondisce su banda larga e Snam, sul riordino incentivi imprese,credito imposta per ricerca e sul ruolo della Cassa Depositi e Prestiti. Saranno presto approvati i meccanismi automatici di credito d'imposta per la ricerca e l'innovazione. Il governo vuole impegnarsi direttamente sul miglioramento delle infrastrutture digitali con il superamento del digital divide, ''con collegamenti per tutti di almeno 2 megabit entro il 2013”. Quanto alle frequenze tv, dopo lo stop del beauty contest, Passera ribadisce: “Siamo contrari a cedere a titolo gratuito beni di valore di proprietà dello Stato come le frequenze e non c'e' nessun motivo per ritornare indietro rispetto a questa decisione''. Ipotizza cosa può avvenire per la governante della Rai. Affronta anche il capitolo dell'internazionalizzazione delle nostre aziende annunciando che ''il nuovo Ice c'è già. La legge è stata fatta'' e ''le strutture saranno integrate nelle ambasciate e camere di commercio dei vari Paesi''. ''Con Cassa Depositi e Sace, poi, rafforzeremo la parte del sostegno finanziario – aggiunge il ministro – alle iniziative di internazionalizzazione''.

In allegato – Il testo dell'intervista di Corrado Passera al Sole 24 ore

Leggi anche  altri due interessanti articoli

  • La democrazia del profito ed il vaore della bellezza di Guido Rossi_12-3-12
  • La politica sostenga le riforme di Luigi Guiso_12-3-12
  • Corrado Passera, un'autobiografia non autorizzata

Allegato:
passera_intervista_su_il_sole_11-3-12.doc
la_politica_deve_sostenere_le_riforme_guiso_il_sole.pdf
la_democrazia_del_profitto_guido_rosi__12-3-12.pdf
corrado_passera_una_biografia_non_utorizzata.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *