Uscire dall'Euro? Anche No. Carlo Cottarelli, su Il Foglio, spiega con esempi comprensibili a tutti i vantaggi e gli svantaggi per riprendersi la sovranità monetaria perduta. Sia nel caso di uscita dall'euro (attuazione del cosiddetto piano B che è bene conoscerlo e valutarlo) sia adottando una seconda moneta nazionale. Quanto costa per le tasche degli italiani soprattutto per i redditi fissi: salari e pensioni. Guardarsi dalle sirene populiste che cantano un futuro in lire. Se lasciassimo la moneta europea e introducessimo la nuova lira, quest’ultima si svaluterebbe immediatamente. L’uscita dall’euro funziona per restituire competitività ai prodotti solo se è accompagnata da un taglio del potere d’acquisto dei salari e delle pensioni, cioè un taglio reale dei redditi fissi.

Alcuni politici hanno proposto l’introduzione di una moneta parallela per i pagamenti nazionali mentre rimarrebbe l’euro per le transazioni internazionali, ma…. equivale all’uscita dall’euro per tutte le importazioni. Magari per superare la transizione e mettere un po’ d’ordine ci toccherebbe chiedere l’aiuto del Fmi, Ma non sarebbe affatto divertente.

La vera domanda allora è: possiamo risolvere i nostri problemi di crescita, competitività e debito pubblico senza uscire dall’eu­ro?

Aprire l'allegato, una lettura da non perdere!

Allegato:
uscire_dalleuro_anzi_no_cottarelli_foglio.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *