In “Occorre una buona partenza” Mario Monti, su Corsera, che “In Italia abbiamo sperato a lungo in ima politica nuova, meno asservita agli interessi corporativi, capace di riformare il Paese per giungere ad una società più equa e ad un’economia più competitiva..” Mette in guardia, con puntuali richiami, per avere una disciplina del disavanzo e non finire “nelle braccia dei creditori, dei mercati”. Conclude con queste parole “Confido che, anche con lo stimolo di una stampa libera e di un’opinione pubblica indipendente, il promettente esperimento nato in questi giorni non subisca deviazioni pericolose..”. Carlo Cottarelli, in “L’aumento del deficit è una trappola”, rimarca che lo stessop non risolve il problema di bilancio. Esprime le sue riserve sul Governo Conte così “Ma al di là di quello che si dice, o non si dice, contano i fatti. E le politiche di bilancio che il governo sembrerebbe orientato a realizzare (è giusto usare ancora il condizionale) non sono molto rassicuranti rispetto alla nostra permanenza nell’area dell’euro..”.

In allegato i due testi completi, da leggere con attenzione anche per farsi un’opinione sulle speranze e grandi timori dei due economisti.

 

Allegato:
occorre_una_buona_partenza_monti.doc
laumento_del_deficit_e_una_trappola_cottarelli.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *