Il “modello svedese” alla prova del coronavirus

Scommessa o azzardo? Il governo svedese finora confida nella fiducia popolare verso le istituzioni per porre un freno e controllare così il coronavirus. Nella cultura politica svedese il fatto che il governo “raccomandi” alla popolazione di osservare determinati comportamenti assume un significato forte, così come l’appello a comportarsi responsabilmente per tutelare sé stessi e il prossimo, senza ricorrere a misure coercitive.

Al momento la strategia di mitigazione del contagio adottata dal Governo socialdemocratico gode della fiducia di oltre il 50% degli svedesi e dell’intero arco politico e i socialdemocratici hanno riconquistato consenso nei sondaggi.

Basteranno la fiducia sociale e l’autorità degli esperti per risolvere il dilemma della democrazia rappresentativa, ossia che la deliberazione e la ricerca del consenso in tempi di coronavirus non coincidono con le necessità dell’urgenza? Oltre al complesso problema del mappare le aree frequentate da asintomatici che pare essere potenti acceleratori del contagio.

Per saperne di più leggere Il “modello svedese” alla prova del coronavirus di Monica Quirico pubblicato sul sito

https://www.volerelaluna.it e quello di MIchele Pignatelli “Modello svedese: lockdown per ora volontario ” pubblicato su Il Sole.