A MILANO, MARZO 1950, NASCE LA FIM-CISL

La Fim-Cisl nasce, nel Marzo 1950 a Milano, nel difficile contesto politico del dopo guerra quando la tensione internazionale (il mondo e i valori dell’Occidentale contrapposti  a quelli delle Repubbliche Socialiste e dell’ Unione Sovietica) si calarono a livello popolare. Milioni di cittadini e di lavoratori si mobilitarono, si contrapposero in serrati e anche aspri conflitti (più volte comparve la violenza) aderendo alla vita dei partiti politici e del sindacato, allora organizzato in correnti (quella maggioritaria dei comunisti, quelle dei socialisti, dei democristiani, e altri partiti minori). Molti erano anche i lavoratori che senza alcuna tessera, ma con chiari ideali in testa, parteciparono alle battaglie di quegli anni per la ricostruzione della nostra società e la vita democratica.

La Fim-Cisl Nazionale ha postato sul suo sito un documento e un video con alcune testimonianze di sindacalisti Fim della prima ora. Vedi allegati.

Settanta anni fa è nata con la Fim-Cisl una concezione di fondo – che nel tempo, e tutt’oggi si rivela fondamentale – della necessità di preservare il sindacato come luogo e strumento di rappresentanza degli interessi e delle aspirazioni dei lavoratori, mettendo al centro la difesa della dignità della persona e della sua libertà, della partecipazione alle scelte per l’emancipazione della classe lavoratrice. Un sindacato libero perché autonomo nelle proprie scelte, non subalterno alle politiche padronali, del governo, dei partiti.

In questi questi sett’anni più volte  gli scenari sono mutati, anche per questo rimane ben vivo l’interesse culturale di comprendere quanto esista ancora – e se è davvero può essere ancora vitale – lo spirito di quegli anni (ideali-valori-coerenza e comportamento) dei “padri fondatori” della Fim-Cisl.

Ricordando la nascita della Fim-Cisl, a cui seguì un mese dopo quella della Cisl, il pensiero va alla moltitudine di iscritti che hanno messo anima e cuore per portare avanti le attività del sindacato, con lo spirito di “Chi partecipa in modo attivo e impegnato alla vita dell’organizzazione, del partito o del movimento di cui è membro, svolgendo, sia all’interno sia all’esterno di essi, un’azione concreta di lotta, di polemica e di propaganda….” (tratto dal vocabolario della Treccani on line per definire il significato di militante).

https://www.fim-cisl.it/storia/70-anni-fim/ con questo link puoi vedere il VIDEO

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *