(…) Per questo siamo profondamente offesi e indignati dall’atteggiamento fuori da ogni logica dei valori della CISL di alcuni dirigenti o ex dirigenti della CISL che assommano allo stipendio o alla pensione emolumenti per incarichi sindacali che in confronto a quando percepisce un pensionato CISL o un lavoratore metalmeccanico sono uno “sfregio” al pensiero, alle idee, alle proposte che la CISL fa in materia di politiche dei redditi, del fisco, di giustizia, equità fiscale e salariale.

Per costoro non c’è posto nella CISL, vanno espulsi revocando la nomina dell’incarico (..) Nello stesso tempo riteniamo che avere sollevato tale problema non possa essere motivo di espulsione dalla CISL. Se un iscritto CISL denuncia un abuso e se l’abuso è confermato va perseguito chi ha commesso l’abuso. Se chi denuncia un abuso è un millantatore e/o dichiara falsità va perseguito perché diffama non solo le persone ma anche la CISL.(…) per proseguire aprire l’allegato

Sono parole chiare e lineari, radicali anche più “ruvide” di quelle contenute nella lettera inviata, il 13 aprile, in forma riservata da Fausto Scandola alla SG della Cisl Annamaria Furlan, che ha determinato il deferimento ai probiviri da parte della Segreteria Confederale Cisl e poi l’espulsione di Scandola.  

Questo testo è contenuto nel comunicato della Segreteria Fim-Cisl di Torino e Canavese che è stato distribuito, l’8 settembre, nel corso dell’incontro promosso dal nostro sito nella sede della Cisl di Torino.

http://www.sindacalmente.org/content/delegittimazioni-e-complotti-riitardi-di-trasparenza-aspettativa-sindacale-e-pensione

 

Allegato:
rinnovare_la_cisl_2.0_fim_to.doc

2 commenti
  1. Luigi Viggiano
    Luigi Viggiano dice:

    concordo ma ritengo che vada integrato con la richiesta di dimissioni della segreteria nazionale e dell’esecutivo perchè come ho scritto in altra occasione “ladro non è solo chi ruba ma anche chi gli regge il sacco” (in questo caso sapeva ed ha taciuto), anche perché la linea difensiva della Furlan sentita ieri sera nella risposta data all’intervistatore de “La Gabbia” è ridicola lei non ne sapeva nulla (ricorda tanto l’on.le Longo ex segretario del partito social democratico quando ai suoi consigliava di negare sempre anche l’evidenza) Chi ha infangato il sindacato e il nome di migliaia di operatori territoriali può ridare loro dignità solo levandosi di mezzo altrimenti nessuno di noi riavrà più la dignità perduta in quanto sarà sempre oggetto di facile sarcasmo e pesanti allusioni perchè accomunato a quelli che hanno prima creato il fango e poi imbrattato chi veramente come ha dichiarato Treu alla stampa non ne sapeva nulla. Luigi Viggiano

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *