Poveri, noi, un libro bello e coinvolgente, un libro ‘profetico’ e animato da un giusto sdegno che non può lasciarci indifferenti. E’ di Marco Revelli, editato nel 2010. Di grande attualità. Trovo tuttavia un rischio, che dalla sua lettura nasca una colpevolizzazione indiscriminata di tutti gli attori sociali che non tenga conto delle obiettive difficoltà che le grandi trasformazioni dell’ultimo ventennio hanno comportato. Un esempio per tutti, già accennato sopra: è vero che i sindacati dopo la sconfitta nella Fiat nel 1980 hanno rinunciata a un ruolo di "movimento", ma è anche vero che in quel momento constatavano l’impossibilità di adoperare i vecchi metodi di lotta.

 In allegato

  • La recensione di Gianna Montanari Bevilacqua

 

Allegato:
poveri, noi.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *