La Fondazione Nocentini, che molto ha operato per la costruzione  del Polo ‘900, nel mese di novembre ha promosso due importanti iniziative che riguardano la storia del sindacato: un’analisi sul sindacalismo bianco nel “biennio-rosso” del 1919-20, la storia di Mario Gheddo e della Commissione interna alla Fiat Mirafiori. (v.allegati) Il mondo conosciuto è sempre più ampio, le innovazioni e trasformazioni sempre più rapide, e ciò porta a dire che “..la storia non è più maestra di vita”. Comunque la si pensi, è certo che noi dipendiamo dalla storia, dalle scelte di alcuni politici del passato, dalle vittorie o dalle sconfitte nelle guerre, da perdite ed acquisizioni di territori. E poi basta andare in giro nelle nostre città: tutto è storia. Dai monumenti ai dipinti nelle chiese, dai ponti ai castelli, dalle basiliche alle strade, siamo circondati dalla storia. Lo studio della storia è importante perché con essa si capisce la trilogia “chi siamo, cosa vogliamo, dove vogliamo andare”, con l'aggiunta che visti gli errori del passato è possibile non commetterli in futuro.

Conoscere la storia, quindi il nostro passato, ci fa più ricchi, consci e responsabili. E ciò vale anche per la storia del sindacato.

*************************************************

IL BIENNIO ROSSO ED IL SINDACALISMO "BIANCO"

6 novembre  2019 ore 15:00 – Sala '900, Polo del '900  Via del Carmine 14 – Torino

Evento promosso da Fondazione Vera Nocentini nell'ambito del programma di celebrazione del Centenario di fondazione della CIL (Confederazione Italiana dei Lavoratori), con l'adesione di Acli, Fondazione Achille Grandi, Benecomune, e di ISACEM (Istituto per la storia dell'Azione Cattolica e del movimento cattolico in Italia, Paolo VI).

Sintesi storica del Biennio nel primo dopoguerra, a cura di Giovanni Avonto e Guido Barbero.

Rappresentazione e discussione sui sindacalismi dell’epoca coordinata dal prof. Giuseppe Acocella (Università di Napoli)

Discussants gli storici Alfredo Canavero, (Università degli Studi di Milano), Claudia Baldoli (Università degli Studi di Milano), Stefano Musso (Università degli Studi di Torino), Fabrizio Loreto (Università degli Studi di Torino)

Qui puoi trovare una breve nota che illustra il significato dell'iniziativa (v.allegato)

La parte introduttiva viene raccolta a stampa nella rivista “Itinerari”.

La registrazione della discussione verrà riportata su Youtube della Fondazione Vera Nocentini.

*********************************************

Il libro “Commissione interna – Ricordi di Mario Gheddo” è stato presentato al Direttivo della Fim-Cisl Torinese e Canavese il 29 ottobre. Cristina Terrenati (Segreteria UST CISL Torino-Canavese) ha coordinato gli interventi di Gianfranco Zabaldano (Presidente Fondazione Vera Nocentini), Giuseppe Berta (Professore Bocconi Milano), Bruno Manghi (Sociologo), Renato Bresciani (Curatore del libro), Mario Gheddo. Ha concluso Claudio Chiarle  (Segretario Generale FIM-CISL Torino e Canavese). Marcella Filippa (Storica e Saggista) ha inviato una lettera, Marco Bentivogli un messaggio in video-conferenza.

La Commissione Interna, di cui Mario Gheddo è stato uno storico rappresentante per la CISL alla FIAT, è stata lo strumento principale di rappresentanza di operai e impiegati fino alla nascita, con l’«autunno caldo» del ’69, dei Delegati e dei Consigli di fabbrica. La lunga intervista è una biografia di Mario e nel contempo  rappresenta la sua esperienza operaia e sindacale che ha riassunto – rispondendo ad una domanda – in un chiarissimo concetto "..ho agito interrogando sempre la mia coscienza su come agire, unitamente alla convinzione che era necessario unirmi e convincere altri per  realizzare ciò che la coscienza mi indicava..".

.

Il libro è acquistabile presso la Fondazione Nocentini, al secondo piano del Polo’900.

Allegato:
1919_1920_biennio_rosso_e_sindacalismo_bianco.pdf
un_esempio_di_militanza_sindacale_berta.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *