La si chiami come si vuole, ma il Governo Monti – se ripristinasse un tavolo di discussione sulle prospettive del sostegno alla produzione, all’occupazione e ai consumi – potrebbe recuperare in questa sede anche il tema del mercato dl lavoro, coinvolgendo le parti sociali nella individuazione delle ulteriori modifiche da apportare. Qualsiasi soluzione che scaturisse da scelte condivise, è meglio di quelle che fossero vissute come imposte da questa o da quella parte. Specie se fossero individuate entro un contesto di scelte che riguardassero anche la crescita. La concertazione non è soltanto un metodo, semmai per dare una golden share del consenso a qualcuno. E’ una scelta politica per la costruzione di un consenso innanzitutto sociale, capace di sbarrare la strada ai corporativismi e alle logiche di potere. Per questo è stato un errore non crederci e sarebbe un vantaggio proporla ora.

Questa è una delle considerazioni di Raffaele Morese contenuta nell'articolo allegato " Ritornare tutti allo stesso tavolo" pubblicato su www.nuovi-lavori.it

 

 

 

Allegato:
ritornare_tutti_allo_stesso_tavolo_morese.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *