La cultura del lavoro sta attraversando una crisi profonda e non e all’ordine del giorno nei dibattiti sulla situazione economica attuale. Dedicare una giornata ad Adriano Olivetti e alla sua fabbrica signifi­ca innanzitutto ribadire che un progetto originale e articolato come il suo e ancora perfettamente attuale, soprattutto se si riflette sul­la portata di quel progetto, teso a incidere sul territorio, sui servizi, sull’urbanistica, sulla cultura in generale e sulla tutela materiale e psicologica degli individui coinvolti. Una visione e funzione sociale dell’azienda che oggettivamente nel contesto della globalizzazione consentirebbe di affrontare ben diversamente il problema delle rilocalizzazioni delle imprese e dei mercati internazionali.

Il convegno “ La fabbrica al tempo di Adriano Olivetti” si è svolto a Torino, il 13 giugno al  a teatro Vittoria, promosso dalla Fodazione Bottari Lattes per sottolineare il valore umanistico e promuovere la difesa di un patrimonio inalienabile, raggiunto a prez­zo di lotte ormai secolari e oggi da molte parti minacciato: la dignità del lavoro. Un rilievo, ma non è una novità: presenze sindacali rare, rare….eppure “la stirpe” non è in estinzione!

Per saperne un po’ di più leggi gli allegati

  • Stralcio relazione Luciano Gallino
  • Intervista di Adriano Olivetti 1960
  • Schede

 

 

Allegato:
lafabbricaaltempodiadrianoolivetti.pdf
3_bio_adrianoolivetti.pdf
intervista_ad_adriano_olivetti.pdf
relazione_luciano_gallino.pdf

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *