IL PATRIMONIO PUBBLICO nella provincia è circa la metà della media nazionale che è di circa il 5% delle abitazioni. Questa percentuale è già molto inferiore a quella di molti paesi europei 15% in Germania e Francia, 20% in Inghilterra, 35% in Olanda.

Con questa bassissima percentuale di case pubbliche non c’è da stupirsi che le domande insoddisfatte di casa popolare nel 2011 raggiungano il ragguardevole numero di 13.648 nuclei familiari con i requisiti. 9592 a Torino, 395 a Rivalta, 201 a Grugliasco, 152 a Venaria, 285 a Nichelino, 109 a Ivrea, 267 a Moncalieri, per citare i casi più eclatanti.

Infatti, le percentuali di fabbisogno (richieste di sostegno affitti, famiglie in attesa di casa popolare, famiglie assistite ai fini abitativi, persone senza fissa dimora, in abitazioni malsane e inadeguate) sui nuclei familiari residenti, cioè quante famiglie ogni 100 hanno bisogno di una casa adeguata e un affitto basso, sono le seguenti: 6,09 a Venaria, 6,57 a Torino, 8,91 a Beinasco, 6,29 a Chieri, 8,77 a Rivalta, 7,92 a Ivrea, 6.45 a Pinerolo per citare i comuni con le percentuali più significative.

Per altri dati interessanti sulla caratteristiche e sul fabbisogno abitativo nella Provincia di Torino apri l’allegato di Giovanni Baratta, Sicet Piemonte, che commenta il Rapporto 2013 della Provincia di Torino.

 

 

Allegato:
il_fabbisogno_abitativo_nella_provincia_di_torino.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *