Jobs Act: i decreti attuativi già definiti modificano il percorso e l’incentivazione alla conciliazione delle vertenze di lavoro. Altri decreti attuativi sono in via di definizione. Su questo sito www.sindacalmente.org  ci poniamo l’obiettivo di offrire schede e approfondimenti sul processo del lavoro, sulle vertenze giudiziali e extragiudiziali. Non è così semplice come potrebbe apparire, sia per le norme, sia per la raccolta di dati. La distinzione stragiudiziale e giudiziale si riferisce al modo e alla fase in cui la vertenza si trova. E’ stragiudiziale quando non è (ancora) stata portata davanti ad un giudice e cioè in tribunale per essere decisa dallo stesso, ma si trova in una fase di trattative in cui le persone coinvolte discutono tra loro al fine di trovare una soluzione, di solito assistite dai rispettivi legali. È giudiziale, invece, quando in relazione alla stessa pende una causa in tribunale.

Le due fasi non sono, peraltro, nella pratica così nettamente separate.

Chiediamo collaborazione a chi può ed è interessato ad offrircela. Iniziamo allegando l’articolo “Il Jobs act premia la conciliazione” di Alessandro Rota Porta, su Il Sole del 1-6-2015, con relative tabelle.

 

Allegato:
jobs_act_e_conciliazione_il_sole_1-6-15.pdf

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *