Michele Ainis, su La  Repubblica, inizia così. Grandi riforme con piccole norme. Possibi­le? A quanto pare sì, ma l’ulteriore para­dosso è che l’evento si consuma proprio nel luogo che la Grande Riforma voleva sbaragliare: il Senato. Dov’è in dirittura d’arrivo un’ampia riscrittura del regolamento inter­no, con l’obiettivo di sconfiggere i due mali della no­stra democrazia parlamentare: trasformismo e ineffi­cienza.(..) Ci si può riuscire alla svelta La parola spetta all’aula. Addio alla pennichella stop alla logorrea e al via un nuovo assetto delle competenze Ma allora perché alla Camera non si fa altrettanto? per proseguire aprire l'allegato

 

Allegato:
il_senato_che_riscrive_le_regole_ainis.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *