Due articoli di Mario Dellacqua. Il primo, è un commento correlato di tre libri: Paolo Mieli Lampi sulla storia”, Michela MurgiaIstruzioni per diventare fascisti” e Antonio ScuratiM il figlio del secolo”, per rispondere all’interrogativo se il pericolo fascista è incombente oppure è un’esagerazione propagandistica per coprire carenze di analisi e di proposte. Il secondo, prende spunto da una puntata di “Passato e presente” di Rai Storia. Qui Ernesto Galli della Loggia, interrogato da Paolo Mieli rivaluta la figura di Mario Scelba perchè difese la legalità anche con le manganellate della Celere, però lo storico editorialista del Corriere della Sera – in quella puntata – ha dimenticato il grande valore democratico e di  e di eguaglianza delle tante lotte bracciantili e operaie verso le quali erano indirizzate le cariche e manganellatte dei reparti "scelbini".

Vedi anche in allegato Sgombero di Dellacqua-Tivano

Allegato:
rivalutare_il_manganello_e_dimenticare_le_lotte_dellacqua.doc
sgombero_dellacqua-tivano.doc
il_fascismo_chiamalo_come_vuoi_dellacqua.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *