Venerdì 27 settembre, «Siamo un milione»: l’onda verde invade l’Italia da nord a sud in difesa degli clima: in 200 mila a Roma, altrettanti a Milano. La protesta globale dei giovani del Fridays for future si estende in tutto il mondo e chiede impegni concreti alla politica. giovani sono preoccupati più degli anziani perché subiranno le conseguenza dei cambiamenti. Gridano numerosi in tante piazze del mondo che tutti i leader dei più grandi paesi hanno fallito e non lo hanno ancora riconosciuto. Greta Thunberg, sedici anni, ha guidato il corteo dei ragazzi a Montreal in Canada, con la sua ostinazione ha dimostrato che si può scuotere quell’apatia che porta a dire “..è così, non c’è niente da fare”. C’è chi dice che è una “ragazzina antipatica, anche manovrata”. Di certo è diventata un evento mediatico. Comunque la si pensi ha risvegliato  un grande movimento di giovani determinati e non violenti, cin idee chiare in testa, che sono state ribadire con semplicità ed efficacia nell’intervista rilasciata a Elena Molinari per l’Avvenire (v.allegato)

 

Allegato:
lintervista_a_greta_montreal_28-9-19.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *