La recente invasione della Siria Nord-Est da parte della Turchia, dopo il ritiro delle truppe americane, il 7 Ottobre 2019, è stata l' occasione per molti media di dedicare un po’ di spazio alle unità di difesa del popolo curdo. I battaglioni femminili che hanno combattuto contro lo stato islamico, nel seno delle Forze democratiche siriane. Il prezzo di vite umane è stato elevato, un enorme sacrificio; 11.000 vittime. Oggi tentano di impedire che soldataglie di Erdogan e Assàd riprendano le loro violenze di Afrin. Un rapporto dell'ONU dell’agosto 2018 riporta le violazioni di diritti umani e i crimini di guerra compiuti in questa città.

L'attenzione ai Battaglioni formati da donne è stata in molti casi più una nota di colore che una informazione documentata. Il dato politico più importante è la composizione di questi battaglioni. Donne curde combattono al fianco di donne arabe e cristiane. Queste donne hanno preso parte alla battaglia per la riconquista della città di Ràkka, la capitale della stato islamico nell' ottobre 2017. Chi sono, quale retroterra politico hanno queste donne cristiane soldato?   (…) per proseguire aprire l'allegato

altri articoli correllati in allegato

link per leggere articoli sui curdi pubblicati su questo sito

 

 

Allegato:
le_combattenti_curde_e_la_liberta_delle_donne_web.doc
le_ragaze_della_rivoluzione_curde.doc
battaglioni_donne_curde_ferigo1.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *