Livia Ricciardi del Dipartimento Lavoro della Cisl esamina in un meticoloso articolo la “flexisecurity all’italiana” ovvero il disegno di legge sul mercato del lavoro in discussione al Senato, quella riforma del mercato del lavoro che non ha ancora forma soprattutto sulle politiche attive del lavoro rinviate ad una legge delega da definirsi entro sei mesi dall’approvazione della legge in oggetto.

Ricciardi mette anche in luce il mancato obiettivo di un diritto universalistico in caso di disoccupazione: la tutela è rimasta debole in molti settori e sotto i 15 addetti, l’obiettivo è rinviato per altri al 2017. Sottolinea il fatto che il dibattito si sia accentrato sull’articolo 18 e sulla flessibilità in entrata trascurando il punto fondamentale delle  politiche attive del lavoro.  Ai criteri già previsti dalla legge 247/2007 (potenziamento dei sistemi informativi e di  monitoraggio, valorizzazione delle  sinergie  tra  servizi  pubblici  e  agenzie private e definizione dei livelli essenziali delle   prestazioni nei servizi pubblici per l'impiego; programmazione  di   misure per l'invecchiamento attivo, promozione del  patto  di  servizio, semplificazione delle procedure amministrative), si dovranno aggiungere:

  • attivazione del soggetto che cerca lavoro,
  • qualificazione professionale dei giovani che entrano nel mercato del lavoro;
  • formazione nel continuo dei lavoratori;
  • riqualificazione di coloro che sono espulsi, per un loro efficace e tempestivo ricollocamento;
  • collocamento di soggetti in difficile condizione rispetto alla loro occupabilità.

Per saperne di più leggi l’articolo allegato di Livia Ricciardi e quello scritto anni fa, nel 1999 ma sempre attualissimo, da Mario  Deaglio “Il mio lavoro in cambio di un lavoro”.

 

 

 

Allegato:
la_flexsecurity_allitaliana_ricciardi.doc
il_mio_lavoro_in_cambio_di_un_lavoro_deaglio_1999.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *