Romano Prodi su Il Messaggero del 3 Aprile lancia un messaggio-proposta. In coerenza con le scelte che il paese deve dare alla protezione del pianeta, voglio tuttavia accompagnare il ragionamento che mi spinge a dire no a questo referendum con una proposta (royalties alla ricerca) che può aiutare la trasformazione del nostro sistema energetico verso consumi compatibili con l’ambiente. Il governo impegni i 300-400 mil € (royalties) del proseguimento trivelle per incentivare la ricerca, la produzione e la conservazione delle energie rinnovabili. Per proseguire aprire l'allegato.

Un fatto poco conosciuto. MIchele Emiliano, governatore della Puglia, intervenendo alla Direzione del PD ha smontato la principale argomentazione di Matteo Renzi dichiarando "..la Regione Puglia aveva detto sì a Tempa Rossa". Il governo "saltando" la Regione con il tanto discusso "emendamento" inserito – con il voto di fiducia – nella Legge di Stabilità, ha consentito ai petrolieri di non negoziare le compensazioni ambientali con la città di Taranto. Un bel favore….(vedi allegato)

Per maggior informazioni sulle ragioni del Sì e del No aprire le interessanti note informartive che Aldo Vecchi invia con mailist e pubblica su internet all'indirizzo https://plus.google.com/108045886654542955895.

Allegati

  • Energia pulita, una proposta per evitare la guerra delle trivelle_ R.Prodi_ 3-4-16
  • Note informative su trivelle Aldo Vecchi 1-4-16
  • Trivelle 3 e 4 Aldo Vecchi 4-4-16
  • Voterò sì_ Rossi Presidente Reg Toscana_Corsera
  • Emiliano sul petrolio dà scacco matto a Renzi_Marra_FQ_5-4-16
  • La trasversalità dell'opinione di Franco Astengo

Allegato:
energia_pulita_e_royalties_prodi.doc
segnalazioni_approfondimenti_vecchi.doc
trivelle_3_e_4_vecchi.doc
votero_si_rossi_presidente_reg_tooscana_corsera.pdf
emiliano_sul_petrolio_da_scacco_matto_a_renzi.doc
la_trasversalita_dellopinione_astengo.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *