E’ morto Giorgio Bocca.Ruba, compagno, ruba, così titolò "La Repubblica"  il reportage savonese firmato da Giorgio Bocca, negli intensi giorni dell’arresto di Alberto Teardo e della sua banda: il caso clamoroso di intreccio tra "questione politica e questione morale" che, se fosse stato lucidamente individuato all’epoca (giugno 1983) dalle forze politiche, avrebbe sicuramente anticipato la "Tangentopoli" di dieci anni dopo. Bocca, in quell’occasione, dimostrò tutta la sua lucidità nell’intrecciare la capacità nella descrizione giornalistica con l’idea di fondo dell’agire "etico". Un agire "etico" che gli derivava dalla sua formazione partigiana, nelle fila di "Giustizia e LIbertà" e dal suo essere discepolo diretto di Duccio Galimberti. Oggi, nel giorno della sua scomparsa, molti ricordano il tratto peculiare che ha accompagnato la sua vita: essere stato "partigiano sempre". Il più bel ricordo di Bocca, giornalista, scrittore tra i più grandi della storia recente d’Italia, è stato proprio questo: considerarlo nella nostra memoria sempre legato allo spirito e alle idee che animarono la Resistenza Italiana.

di Francesco Astengo – 25 dicembre 20011 -Savona

IN ONORE DEL COMPAGNO GIORGIO BOCCA  di Antonio Caputo

Caro compagno, mi mancherai, ci mancherai.

Ci manchera’ la Tua penna asciutta e tagliente.

Ci manchera’ la tua intransigenza

La tua chiarezza nel saper distinguere senza mai confondere.

Il tuo desiderio insoddisfatto di un’epurazione che avrebbe forse consentito all’Italia e agli italiani di non imputridire, di "non mollare".

Hai visto il declino di Berlusconi, ma non dell’eterno berlusconismo che invano hai cercato di respingere.

Hai sognato un’Italia libera di italiani civili.

L’Europa dei cittadini.

Unire l’Europa per unire il mondo, secondo il motto, il Tuo/nostro motto , il grido sempre piu’ lontano proveniente da Ventotene.

Ora grido di dolore.

Partigiano delle montagne, hai sognato Giustizia e Liberta’.

Per noi il sogno continua nel ricordo della Tua persona.

Ti sia la terra lieve, come meritano i Giusti.

 

Antonio Caputo (Presidente del Movimento d’Azione Giustizia e Liberta’)

 

Allegato –  Partigiani non è finita di Giorgio Bocca 1945

 

 

Allegato:
Partigiani non è finita_1945.pdf

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *