CHRYSLER:MAGGIORANZA RISICATA. NO DEI QUALIFICATI T. Ferigo – 27/10

 Il contratto Crysler è stato approvato ma , forse per la prima volta, la UAW si trova di fronte ad una divisione netta tra il voto degli operai a basso livello di qualifica e quello di operai  professional, tecnici e impiegati.

Mercoledì, dopo una settimana di votazioni negli stabilimenti con risultati alterni, la UAW ha annunciato che il 54%  dei 26.000 salariati ( con paga oraria ) aveva votato in favore dell’ipotesi d’accordo ma il 55,6% dei 5000 lavoratori professionali a stpendio mensile avevano votato contro.

Una situazione insolita e estremamente complicata per il sindacato. Lo statuto afferma che l’approvazione di una ipotesi di contratto richiede la maggioranza semplice degli aventi diritto al voto, ma permette ai professionali la possibilità di respingere le parti che li riguardano.

Che fare ? Ritornare al tavolo per ridefinire alcuni termini del contratto con il rischio, comunque di andare all’arbitrato ? Accettare la decisione della maggioranza, sia pur risicata ?

Dopo una serie di , si immagina, riunioni piuttosto tese il Presidente della UAW ha spiegato in una conferenza stampa la decisione assunta: " E’ chiaro che il voto negativo dei lavoratori professionali riguardava  il trattamento economico non specifici temi legati al loro lavoro.. Per questo motivo non riteniamo che si debba tornare al tavolo. Non possiamo ridiscutere il trattamento salariale solo per una parte dei dipendenti. ", King ha aggiunto " Il voto in Chysler ma anche in Ford testimonia di inquietudini che devono essere prese in considerazione seriamente. L’occupazione è stato il nostro obiettivo primario, continua ad esserlo. Adesso il grande obiettivo è estendere la sindacalizzazione nel settore".

Perplessità da parte della stampa di detroit sull’interpretazione dello statutoI ma c’è ben di peggio al mondo. Pensate all’Italia e al suo primo ministro . Non sto scherzando.

 

T.F

T.F

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.