Elezioni presidenziali in Brasile il 7 ottobre 2018. Registrazione delle candidature da parte del tribunale elettorale il 7 settembre. Marcia pro candidatura Lula il 15 Agosto. Iniziativa sstorica di alleanza senza precedenti del Partito dei Lavoratori (Pt) e del Partito Comunista del Brasile per una strategia comune per “conquistare il diritto” che Lula imprigionato partecipi alle imminenti elezioni presidenziali. È una situazione senza precedenti: tre candidati che corrono insieme per le elezioni presidenziali in Brasile.

Il caso insolito è in realtà dovuto al particolare scenario in vista delle elezioni, come il nome in cima ai sondaggi sulle intenzioni di voto – l'ex presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva, del Partito dei lavoratori (PT) – è stato in carcere per il ultimi quattro mesi e non è in grado di esercitare i suoi diritti politici al momento.

Il piano prevede la nomina, inizialmente, del membro del Partito dei Lavoratori e dell'ex sindaco di São Paulo, Fernando Haddad, come compagno di viaggio di Lula. Una volta esaminata e ratificata la registrazione al tribunale elettorale, che dovrebbe avvenire il 17 settembre, Manuela D'Ávila, del Partito Comunista del Brasile (PCdoB), sostituisce il compagno  accanto a chiunque possa essere il candidato PT, Lula o Haddad.

Interviene anche l'Onu nella disputa sulla candidatura di Luiz Inacio Lula da Silva in vista delle elezioni presidenziali del 7 ottobre: il Comitato per i diritti umani delle Nazioni unite ha chiesto alle autorità brasiliane di garantire i diritti politici dell'ex presidente, anche se si trova in carcere, autorizzando la sua candidatura e la partecipazione ai dibattiti elettorali in tv.

In particolare, su richiesta degli avvocati di Lula, il Comitato ha chiesto che gli sia permesso di "esercitare i suoi diritti politici dal carcere". Questo potrebbe significare "un accesso appropriato ai media e ai membri del suo partito" e la possibilità che "si presenti alle elezioni presidenziali del 2018, finché non saranno esauriti gli appelli" sulla sentenza che gli è stata inflitta per corruzione e riciclaggio, confermata finora in prima e seconda istanza.

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/americalatina/2018/08/17/brasile-onu-chiede-ok-candidatura-lula_ea473449-9403-4be7-adaf-b58efd532701.html

 

In allegato

Articolo sulla conferenza congiunta Pt e Pc brasiliani_traduzione T.Ferigo

Articoli sulla candidatura e sulla marcia pro Lula_ tratti dal web

La formalizzazione della candidatura Lula_Repubblica_16-8-18

 

 

Allegato:
alleanza_pt_e_pc_per_candidatura_lula_traduzione_ferigo.doc
formalizzata_la_candidatura_di_lula_rep_16-8-18.doc
brasile_la_candidatura_di_lula_in_marcia_fanti.doc
lula_candidato_fa_paura_anche_dalla_prigione_web.doc
lula_il_candidato_impossibile_manda_in_tilt_guanella_stampa.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *