Sergio Marchionne racconta e si racconta: come vede il mondo globale e l'industria dell'auto, e poi i punti cardine del suo pensiero e per le relazioni con le persone.. Enrico Mentana, mercoledì 25 luglio, non ha scelto la sua tradizionale "maratona", ma uno “speciale” di grande efficacia per fare conoscere la storia e il pensiero del grande imprenditore e manager italo-canadese. Ha mandato in onda  una intervista della TV svizzera dell’epoca "primo Marchionne" alla Sgs e poi la lezione tenuta all’Università Bocconi nel 2012: Marchionne si rivolge ai giovani che studiano finanza, che aspirano a future leadership. A conclusione del suo intervento c’è una riflessione sul ’68, su quelle “grandi e giuste lotte” e su quanto, in seguito, venne disatteso sul versante della responsabilità e dei doveri, con gravi conseguenze per il nostro paese. Sul sito del La7.it la puntata del 25 luglio non è ancora disponibile per il replay. Prendendo spunto da “Marchionne racconta Marchionne” abbiamo selezionato gli interventi e le interviste allegate.

1a – sul '68 – “A volte nel nostro Paese ho l’impressione che ci sia un atteggiamento passivo nei confronti del presente. Un atteggiamento che sta sgretolando uno dei pilastri del nostro stare insieme e del nostro modo di guardare al futuro. E’ come se si pretendesse ad aver diritto ad un domani migliore senza essere consapevoli che bisogna saperlo conquistare.

Io non sono un professore di storia e ne di sociologia, ma ogni tanto mi è capitato di pensare da dove nasca tutto ciò: la risposta che mi sono dato è che in modo paradossale ogni tanto le grandi conquiste portano a risvolti imprevedibili e non voluti.

E così è successo nel ’68: un movimento di lotta, pienamente condivisibile, che ci ha permesso di compiere enormi passi avanti nelle conquiste sociali e civili, ha avuto purtroppo un effetto devastante nei confronti dell’atteggiamento verso il dovere.

Oggi viviamo nell’epoca dei diritti: il diritto al posto fisso, al salario garantito, al lavoro sotto casa, al diritto di urlare e a sfilare e il diritto a pretendere. Lasciatemi dire che i diritti sono sacrosanti e vanno tutelati, ma se continuiamo a vivere di soli diritti, di diritti moriremo.

Perché questa evoluzione della specie crea una generazione molto più debole di quella precedente, senza il coraggio di lottare con la speranza che qualcun altro faccia qualcosa. Una specie di attendismo che è perverso ed è involutivo. Per questo credo che dobbiamo tornare ad un sano senso del dovere, alla consapevolezza che per avere bisogna anche dare. Il bisogno di scoprire il senso e la dignità dell’impegno, il valore del contributo che ognuno può dare al processo di costruzione dell’oggi e soprattutto del domani.” Sergio Marchionne

Per ascoltare l’intervento alla Bocconi e le domande/risposte con gli studenti  attiva questo link (ctrl + clic) https://youtu.be/aPeGbbfkl0w

1b – Il testo competo della comunicazione “Crescere superando gli orizzonti conosciuti” svolta davanti agli studenti dell’Università Bocconi nel marzo 2012

2 –  La lezione “Siate come i giardinieri” di Sergio Marchionne agli studenti dell’Università Luiss, agosto 2016, pubblicata in questi giorni su Il Foglio

3 – L’intervista rilasciata a Massimo Mucchetti, per il Corriere della Sera,  nel febbraio 2012 nella quale si ricordano problemi tutt’ora insoluti, quindi di grande attualità.  

Infine pensiamo abbia senso allegare un altro articolo, quello di Steve Jobs, del 2005, un altro imprenditore- manager, diventato grande per la sua cultuira e la sua capacita di immaginare  l'evoluzione scientifica e sociale. Sergio Marchionnew e Steve Jobs, come pure Bill Gates, non discendono da grandi dinastie imprenditoriali ma sono stati protagonisti nell'era della globalizzazione dalla forza del lavoro creativo.

 

Allegato:
crescere_superando_gli_orizzonti_conosciuti_marchionne_bocconi_2012.doc
dei_diritti_e_dei_doveri_litalia_vista_da_marchionne_youtube.doc
siate_come_giardinieri_marchionne_luiss.doc
intervista_di_marchionne_a_mucchetti_2012.doc
il_discorso_di_steve_jobs_2005.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *