Invitiamo a leggere la Circolare mensile d’informazione per l’impresa dicembre 20011 ( allegata) sulle norme varate dal Governo Monti, che stanno a margine del dibattito in atto pur essendo di rilevante peso per la fase 2 dei programmi di crescita e di contrasto all’evasione ( da dove trarre nuove risorse) . Alcune norme compaiono per la prima volta in modo così chiaro e netto nella legislazione italiana anti evasione.

Il decreto già approvato alla Camera offre alcune agevolazioni alle imprese, tra le quali l’introduzione dell’ACE (Aiuto alla Crescita Economica) , consistente nella possibilità, per le imprese che si autofinanziano e quindi fanno ricorso al capitale di rischio, di dedurre dal proprio reddito un importo percentuale di tale incremento patrimoniale e l’ampliamento dell’ambito soggettivo e oggettivo della norma che prevede la possibilità di procedere alla trasformazione delle imposte differite attive in crediti di imposta per i soggetti Ires. Importanti anche le norme per una maggior efficacia alla lotta all’evasione (art.11) con l’obbligo di comunicare all’Agenzia delle Entrate i movimenti sui conti correnti in connessione alle norme sulla tracciabilità ( art.13). Sono norme mai varate finora con simile automatismo, così pure sono una novità le modalità di tassazione dei capitali scudati e delle attività finanziarie ed immobiliari all’estero, decorrere dal 2011, da parte di persone fisiche residenti in Italia. Ed altro ancora.

 

Queste le voci contenute nella circolare "speciale manovra Monti" allegata

 

Agevolazioni alle imprese ed alle persone fisiche

 

ACE – aiuto alla crescita economica agevolazioni alle imprese e persone fisiche

Irap – deducibilità dell’Irap relativa al costo del lavoro

DETRAZIONI IRPEF/IRES – detrazione del 36% a regime e del 55% prorogata di un anno

ISEE – indicatore della situazione economica equivalente art.5

Trasformazione delle imposte differite attive in crediti di imposta art.9

Regime premiale per favorire la trasparenza art.10

 

Accertamento e contrasto all’evasione fiscale

Imprese e professionisti    studi di settore   art.10 comma 9 e 13

IMPRESE E PROFESSIONISTI – nuova sanzione penale   art.11

CONTI CORRENTI – obbligo di comunicazione sulle movimentazioni art. 11 comma 2 e 4

A decorrere dal 1° gennaio 2012, gli operatori finanziari sono obbligati a comunicare periodicamente all’Anagrafe Tributaria tutte le movimentazioni che hanno interessato i rapporti finanziari intrattenuti con i contribuenti nonché l’importo delle operazioni, ad esclusione di quelle eseguite tramite bollettino di conto corrente postale, per un importo unitario inferiore ad € 1.500, e ogni altra informazione relativa a questi rapporti, necessaria ai fini dei controlli fiscali. Tali informazioni potranno essere utilizzate dall’Agenzia delle Entrate per l’individuazione dei contribuenti a maggior rischio di evasione da sottoporre a controllo.

 

TRACCIABILITÀ – ridotta la soglia per l’uso del contante art. 12

Dal 6 dicembre 2011 è stato ridotto da € 2.500 a € 1.000 il limite per i trasferimenti di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi. Non costituiscono infrazioni le violazioni commesse tra il 6 dicembre 2011 e il 31 gennaio 2012 riferite alle limitazioni all’uso del denaro contante e di titoli al portatore. È fatto obbligo per i libretti di deposito bancari o postali al portatore con un saldo superiore ad € 1.000 di adeguamento a tale nuovo limite o, in alternativa, di estinzione entro il 31 marzo 2012. Limitatamente alle violazioni relative ai libretti al portatore con saldo inferiore a € 3.000 la sanzione viene elevata al saldo del libretto stesso. Al fine di contrastare l’utilizzo di denaro contante è previsto che entro 3 mesi a decorrere dal 6 dicembre 2011 i pagamenti delle spese da parte delle Pubbliche Amministrazioni centrali e locali debbano essere fatti esclusivamente mediante l’utilizzo di strumenti telematici quali, in via ordinaria, i conti correnti bancari o postali dei creditori o con le modalità prescelte dal creditore. Le pensioni, gli stipendi e ogni altro pagamento, di importo superiore a € 1.000, corrisposto in via continuativa a prestatori d’opera da parte della Pubblica Amministrazione, non possono più essere effettuati con l’utilizzo di denaro contante.

 

Fiscalità locale

IMU – imposta municipale unica art. 13

FABBRICATI RURALI – accatastamento  art 13

RES – tributo comunale sui rifiuti e sui servizi   art.14

ADDIZIONALE REGIONALE – addizionale Irpef regionale art.28

AUTOMEZZI – addizionale all’imposta di bollo art.16

IMBARCAZIONI – tassa stazionamento imbarcazioni da diporto art.16

AEROMOBILI – imposta erariale   art.16

 

Reddito d’impresa

DISALLINEAMENTO – riallineamento partecipazioni derivanti da operazioni straordinarie  art.20

 

Attività e patrimoni all’estero

Imposta straordinaria sulle attività scudate art. 19

Imposta sugli immobili situati all’estero art. 19

Imposta sulle attività finanziarie detenute all’estero

 

Imposte da bollo

Imposta di bollo sugli estratti conto bancari art.19

Interessi e commissioni sugli sconfinamenti bancari art. 6 bis

 

IVA possibile

Aumento aliquota Iva  art.18

In parziale modifica a quanto stabilito con la Manovra correttiva di cui al D.L. n.98/11, in caso di mancata entrata in vigore entro il 30 settembre 2012 della riforma fiscale consistente nella razionalizzazione del regime di esenzioni, esclusioni e favori fiscali che si sovrappongono alle prestazioni assistenziali, è previsto a decorrere dal 1° ottobre 2012 l’incremento delle aliquote Iva del 10% e del 21% di due punti percentuali. A decorrere dal 1° gennaio 2014 le predette aliquote sono ulteriormente aumentate dello 0,5%.

 

Lavoro e previdenza

ARTIGIANI E COMMERCIANTI – aumento contributivo art. 24 comma 23

ORDINI PROFESSIONALI – casse previdenziali art.24 comma 24

IRPEF – tassazione separata Tfr art.24 comma 31

La manovra (Legge di conversione del D.L. n.201 del 6 dicembre 2011 – pubblicato nella G.U. n.284 ed in vigore dal 6 dicembre 2011)  – è stata definitivamente approvata dalla Camera ed è in attesa di essere pubblicata in G.U.

Allegato:
CM1211_Speciale Manovra Monti.doc
Controllo sui conti per 15 milioni.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *