Quella di Mario Dellacqua di aderire al Pd è una scelta che ha "stupito" chi lo conosce per la sua lunga militanza nei partiti a sinistra del PCI e poi DS e PD. Alleghiamo il testo della lettera di adesione al Pd, inviata il 13 settembre, per motivare “il non stare con le mani in mano” in questo complicato e difficile momento politico: Una scelta sofferta, coraggiosa e controcorrente per la tua storia, che così riassumiamo sinteticamente.

Mario Dellacqua – Operaio e delegato Fim Cisl alla Fiat di Rivalta dal 1973 al 1980. Poi è stato insegnante di Lettere nelle scuole superiori e ora è in pensione. Fra il 1995 e il 2004 è stato assessore al Lavoro nel Comune di None (TO). Ha scritto per Edizioni Lavoro la biografia di Cesare Delpiano (in due volumi) e quella di Luigi Macario. Politicamente ha seguito l'itinerario di molti giovani del ‘68: Democrazia Proletaria, poi Rifondazione. Dopo aver sostenuto Leu, ha deciso con l’avvio del nuovo governo di chiedere di aderire al Pd.

Allegato:
perche_chiedo_di_aderire_al_pd_dellacqua.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *