Energie alternative! Dall’America all’Europa dall’Asia all’Africa il mondo in piazza in difesa del clima. Il secondo sciopero globale della generazione green di Greta Thunberg contagia anche gli adulti. Manifestazioni oceaniche a New York e nel cuore dell’Europa a Berlino. Attesa per il summit del 23 all’Onu. Mobilitazione in Italia per lo sciopero clima del 27, il ministro  Fioramonti manda una circolare ai docenti: «Questa è la nostra lezione più importante».

In questi giorni il governo tedesco ha varato il piano «green» tedesco da 100 miliardi al 2030, di cui 54 al 2023 per un Piano per la Protezione del Clima. In allegato l’articolo di Isabella Bufacchi, Il Sole. Il nuovo pacchetto sul Clima è stato annunciato dal governo tedesco mentre in Germania le manifestazioni “Friday for Future” conquistavano le piazze in 575 città con decine di migliaia di partecipanti anche ai cortei in bicicletta e ai concerti organizzati per l’occasione: a Berlino i partecipanti sono oscillati tra 80.000 e 100.000, a Monaco 25.000. Prime critiche sono state sollevate dai Verdi, da Linke e da Friday for Tuture, perchè " non permetterà di raggiungere gli obiettivi del 2030".

Il Piano è incentrato su un meccanismo di verifica annuale per garantire che vengano raggiunti gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra principalmente nel settore dei trasporti e del riscaldamento. Angela Merkel ha detto che queste verifiche annuali consentiranno di aggiungere altre misure in corsa, se necessarie. La Germania è tra i paesi che emettono più CO2 al mondo, sebbene i governi della cancelliera Angela Merkel abbiano deciso di abbandonare totalmente l’energia nucleare entro il 2022 e quella proveniente dal carbon fossile entro il 2038.

maggiori notizie negli allegati

Allegato:
il_piano_green_tedesco_per_cambiamento_climatico_sole.doc
germania_piano_per_il_clima_fq.doc
usa_zayene_10_anni_protegge_greta_severgnini_corsera.doc
climate_strike_chi_sono_e_cosa_vogliono_gandolfi_corsera.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *