Nell'era della fabbrica smart e flessibile, Antonio Forchione, operaio di 55 anni alla Oerlikon-Graziano di Rivoli, è stato licenziato dopo il rientro da un trapianto al fegato: si apre un grande caso umano-sindacale-legislativo. C’è stato sciopero immediato e grande solidarietà. Forchione ha raccontato il suo caso (vedi allegati) ed ha detto “..non posso più stare in officina. Insomma, sono diventato inutile. Io però penso che potrei continuare a fare lavoro d’ufficio o di magazzino, anche demansionato”. Il capo del personale ha detto niet.  La solidarietà immediata dei compagni di lavoro, lo sciopero, la mobiitazione, le dichiarzioni pubbliche  sono servite a far rientrare l'odioso provvedimento (allegato). E’ un caso è andato oltre al "fatto sindacale", ha interessato e coincolto la società intera, suscitando indignazione che si allargava sempre più. Così dalla sede sociale della Oerlikon di Zurigo è partito il "contrordine". E’ una storia da far conoscere come ben scrive Franco Astengo sul web.

In allegato l'intervista rilasciata da Antonio Forchione a La Stampa e gli articoli di cronaca su La Stampa ( due) e La Repubblica. Aprire gli allegati.

Una storia da far conoscere  di Franco Astengo_web

“Sciopero di due ore su ogni turno, alla Oerlikon di Rivoli per protestare contro il licenziamento di un operaio invalido al 100 %. Per tutta la giornata di mercoledì 8 marzo Fiom, Fim e Uil hanno proclamato lo stato di agitazione e definito «inaccettabile» la decisione dell’azienda, leader nel campo della produzione di ingranaggi e componenti per la trasmissione. Per il futuro non è escluso il ricorso a un’intera giornata di sciopero a livello nazionale che coinvolga anche gli altri stabilimenti piemontesi e il sito di Bari.  

Protagonista involontario della mobilitazione sindacale è Antonio Forchione, 55 anni, appena rientrato al lavoro dopo un lungo periodo di convalescenza. «Ho subito un trapianto di fegato a luglio e, lunedì scorso ho rimesso piede in azienda, scoprendo di essere stato licenziato. La motivazione? Ho una disabilità del 100% e Dopo 37 anni di lavoro, 27 trascorsi nella fabbrica di Cascine Vica, ad Antonio mancano ancora 5 anni per raggiungere la pensione: «L’azienda non ha informato le Rsu e ha fatto offerte ridicole al lavoratore, che giustamente le ha rifiutate – spiegano i rappresentanti sindacali -. Non si può trattare in questo modo un uomo che ha dato buona parte della sua vita per la sopravvivenza di questo stabilimento». “

Siamo arrivati a questo punto nello scivolare all’indietro della condizione materiale di lavoro e di vita, nell’inasprirsi ulteriore delle logiche di sfruttamento, nello smarrimento globale che investe il mondo del lavoro, nell’incapacità di trovare ragioni di solidarietà.

Per fortuna, in questo caso, sembra emerga un sussulto di responsabilità, un guardarsi in faccia, un dirsi – appunto – “ma dove siamo arrivati?”.

L’immutabile logica del padrone deve ritrovare il contrasto forte di una affermazione dell’altrettanto insopprimibile ragione di classe.

Altrimenti, di caduta in caduta, si arriverà al fondo del ritrovarsi in una condizione simile a quella antica dei servi della gleba

 

Allegato:
lintervista_rilasciata_da_antonio_forchione_stampa_9-3-17.doc
in_fabbrica_dopo_il_trapianto_licenziato_stampa_9-3-17.doc
il_caso_oerlikon_graziano_repubblica_9-3-17.doc
lazienda_fa_dietrofront_stampa_10-3-17.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *