La locomotiva tedesca e il salario minimo. Scrive Paul Krugman: da decenni la Germania continua ad esportare alla grande. Non perché produce l’ultimo gadget tecnologico, ma perché mantiene, anno dopo anno, la reputazione di nazione in grado di produrre merci di qualità. Annota. La manodopera in Germania è costosissima, anche rispetto gli Stati Uniti.

In questi giorni ci sono state scintille nella dialettica tra Matteo Renzi e il presidente della Bundesbank ed il Capo gruppo del Ppe del Consiglio Europeo. Forse è stato un modo di dirottare, passando da Renzi, le polemiche verso la cancelliera Merkel  provenienti da quella parte d’imprese tedesche, fiancheggiate dal presidente della Bundesbank Weidmann, che riguardano il salario minimo introdotto recentemente in Germania. I cristianodemocratici tedeschi si starebbero innervosendo non poco per l’agenda del governo tedesco che da priorità a temi proposti dai socialdemocratici come, appunto, il salario minimo o il riordino delle pensioni. 

E l’Italia unico paese della Ue a non avere un salario minimo? S’impicca al patto del Nazareno? sarebbe più veloce e sicuro apportare le necessarie modifiche, allargando l’area dell’intesa tra i partiti, per  avere una buona legge costituzionalmente ineccepibile, spianando la strada a quelle leggi che possono incidere sulla vita quotidiana, sull’economia e sull’occupazione.

Alleagati                                                                                                                                   

  • La locomotiva tedesca investe nella qualità   P.Krugman Il Sole 22-6-14
  • Germania salario minimo a 8,5 €    Roberta Miraglia Il Sole 4-7-14
  • Mappa Eu . Forte impatto su giovani e Lander dell'Est    R.Miraglia 4-7-14
  • Salario minimo ma non per tutti_Conquiste del Lavoro 9-7-14

Allegato:
locomotiva_tedesca_krugman.pdf
salario_minimo_ge_e_eu_miraglia.pdf
germania_salario_minimo_ma_non_per_tutti_cdl.pdf

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *