Franco Astengo, prende spunto da “La legge ferrea dell’oligarchia” formulata da Robert Michels nel suo libro Sociologia del partito politico, nel 1909, in cui teorizza che tutti i partiti politici si evolvano da una struttura democratica aperta alla base, in una struttura dominata da una oligarchia, ovvero da un numero ristretto di dirigenti. Ogni soggetto politico (partito, movimento, coalizione, rassemblement) costruisce in partenza un gruppo dirigente che funziona in base a quella regola costituendosi in circle in” (con denominazione giornalistiche varie: le più recenti, cerchio magico, giglio magico, ecc,ecc).

A questa legge obbediscono anche quelli che sdegnosamente rifiutano di definirsi “gruppo dirigente” e ritengono di essere disposti alla massima apertura, contaminazione dal basso, e altre modalità.

Astengo nell’articolo allegato si sofferma su alcune citazioni dedicandole ai gruppi dirigenti oggi operanti di quanto resta della sinistra italiana.

Allegato:
le_leggi_ferree_di_franco_astengo.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *