È di 56 articoli la manovra anti-crisi 2011-2013 da 24,9 miliardi di euro. Il provvedimento, entrato in vigore il 31 maggio 2010, sbarcato a Palazzo Madama per la conversione in legge, contiene una stretta sul pubblico impiego, che passa per il congelamento degli stipendi fino al 2013, lo stop ai rinnovi contrattuali, 2010-2012. Prevista anche una rimodulazione di pensioni e la rateizzazione del Tfr, se d’importo superiore ai 90mila euro. Arriva, poi, un’emersione per gli immobili "fantasma". Scende, da 12.500 a 5mila euro, il tetto della tracciabilità del contante.

Varata anche una stretta sulle invalidità e nuove regole per il redditometro, con i controlli che scatteranno quando il reddito dichiarato sarà inferiore del 20% rispetto a quello accertato dal Fisco. Fra le novità proposte dalla manovra arriva il quindicesimo censimento della popolazione e delle abitazioni, il nono dell’industria e dei servizi, il sesto dell’agricoltura e il censimento delle istituzioni non profit.

Colpo d’acceleratore anche per le cause tributarie. Ci sono poi disposizioni tributarie, antifrode e antiriciclaggio, misure per arginare il fenomeno delle imprese "apri e chiudi" o in perdita sistemica, ma anche interventi contro la microevasione diffusa. Arriva poi una addizionale del 10% sui compensi corrisposti a titolo di stock option. Previsti anche una fiscalità di vantaggio per il Sud in caso di nuove iniziative produttive e incentivi per il rientro in Italia dei "cervelli" emigrati all’estero.

Alleghiamo due articoli

 

– di Nicoletta Cottone e Claudio Tucci su Il Sole 24 Ore del 2 giugno che illustra, articolo per articolo,  le novità della manovra .

 

– il testo completo dei 56 articoli della Finanziaria

Allegato:
sintesi della manovra.doc
Testo completo Finanziaria.pdf

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *