Estonia, l'Ue è il posto al sole. E il boom viaggia su Internet. Reportage di P. Giovanetti, Avvenire. La Repubblica baltica – 1,3 milioni di abitanti, 3,9% tasso di crescita, 9% il rapporto debito/pil – ha tratto grandi vantaggi dallo sviluppo del mercato unnico, sfruttando i finanziamenti per scuole e opere pubbliche e diventando capofila dell’innovazione digitale. Far parte dell’Unione è anche garanzia di sicurezza per un Paese che condivide la frontiera con la Russia, da cui si sente ancora minacciata.

Ruolo chiave di cerniera tra Occidente e Oriente, l’Estonia resta un Paese fortemente attaccato alle proprie tradizioni identitarie, a un fiero spirito indipendente e a un profondo senso della natura, quasi una religione, per chi vive tra infinite distese di betulle, fitte foreste di abeti, nidi di cicogne e spettacolari stormi di anatre e oche che solcano i cieli. Un Paese piccolo, e apparentemente marginale sulla carta geografica, ma proprio per questo convinto che il suo futuro si gioca nell’essere intensamente collegati  al mondo.

Parla l’amministratore apostolico di Tallinn Jourdan « Il ricordo della dittatura comunista è ancora molto forte tra la gente».  

Per più notizie aprire gli allegati e link

http://it.wikipedia.org/wiki/Estonia

Allegato:
estonia_leu_e_il_posto_al_sole_reportage_avvenire.doc
per_i_russofoni_resta_la_sfida_dellintegrazione_giovanetti.doc
piccolo_paese_strategico.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *