Enel apripista per il nuovo apprendistato con  scuola-lavoro. Importante accordo sindacati-Enel. E’  un accordo innovativo consentito dalla nuova legge sull’apprendistato (governo Monti) e previsto dal programma sperimentale apprendistato-scuola del decreto Carrozza (governo Letta). E’ stato firmato giovedì 13 febbraio da Fictem-Cgil, Flaei-Cisl, Uiltec-Uil e l’Enel. L’ad Fulvio Conti ha così commentato “Con questo progetto trasferiamo per la prima volta in Italia le positive esperienze degli altri Paesi europei. Il programma si affianca alle circa 1.500 assunzioni di giovani legate al piano di esodi incentivati dei lavoratori più anziani”.

L’intesa, inserita nell’ambito del decreto scuola, coinvolgerà 150 studenti del quarto e quinto anno degli istituti tecnici industriali di alcune città vicine agli impianti del Gruppo.

Per loro, un contratto di apprendistato di primo livello in alternanza scuola-lavoro, che prevede un percorso di studio concordato e la presenza in azienda durante l’anno scolastico per vivere in prima persona una concreta esperienza di lavoro.

Dopo aver conseguito il diploma, per i ragazzi anche la possibilità di un ulteriore contratto di apprendistato professionale.

Pur essendo un accordo di avanguardia tanto necessario che se seguito da altre aziende e categorie può dare una buona risposta per ridurre la disoccupazione giovanile i media, il dibattito politico e sindacale lo ha rilegato – inspiegabilmente – ai margini.

La notizia era alla pagina 42 de Il Sole di venerdì 14 febbraio su un trafiletto di spalla, che potete leggere in allegato.

 

 

Allegato:
apprendistato_enel_apripista_-_il_sole_24_ore.pdf

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *