La politica invade la nostra vita quotidiana, uno stress da notizie formate in prevalenza da cattiva retorica, ovvero l’utilizzo della parola per persuadere anche su cose poco certe. Puntando all’emotività, sulle paure o sulle speranze, utilizzando questo o quell’argomento: desueto, attuale o  futuribile che sia. Il risultato? Si finisce per un verso in braccio alla fiducia fideistica più o meno duratura, per l’altro a delegittimare in ogni modo chi ricerca tale fiducia.

Più o meno è il quadro dell’era di Matteo Renzi e del suo governo. Molte delle parole rimbalzate sui media prima e dopo la grande manifestazione della Cgil a Roma  e della convention Leopolda a Firenze, ricalcano  in buona parte la cattiva retorica.

Anche quando si chiama in causa il presunto paradigma dell’articolo 18. Succede non solo a Renzi ma anche a sinistra. Ad esempio, molto pochi sono coloro che scrivono per ricordare l’iter storico di questa conquista mettendo in rilievo che le sentenze più significative, quelle che fanno la storia giuslavorista, hanno riguardato principalmente due fattispecie: discriminazioni e provvedimenti disciplinari. Anche nelle vicende ultime giudiziare della Fiat di Marchionne. I delegati Fiom di Melfi, reintegrati, erano stati accusati dall’azienda di aver violato norme disciplinari o autori di comportamenti nocivi per l’immagine della stessa.

Rinviamo di qualche giorno la pubblicazione della scheda di lettura della Legge di Stabilità attendendo le novità che il Cdm introdurrà dopo l’intesa con la Eu per abbassare il rapporto deficit/Pil da 2,9 a 2,6. 

Per quanto riguarda i commenti  sulla  manifestazione Cgil e sull’incontro senza confronto tra il governo e le Confederazioni, tre diversi punti di vista torinesi di tre militanti con tessera sindacale della Cisl (Migone sulla manifestazione a cui ha aderito e sull’auspicio di unità, Quadrellli sul mito della governabilità e sull’arroganza renziana, Dellacqua prende invece spunto dalle dichiarazione del finanziere Daniele Serra per dire cose insolite a sinistra ).

Alleghiamo inoltre l’articolo Il fantasma delle due sinistre di Crainz pubblicato  su La Repubblica il 28 ottobre.

 

Allegato:
manifestazione_cgil_migone.doc
mito_governabilita_e_arroganza_quadrelli.doc
leopolda_dellacqua.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *