Sergio Marchionne dopo la chilometrica intervista al Corriere della Sera prosegue ed alza il tiro. Ora il suo manifesto per la concorrenza globale prevede, dopo il massimo utilizzo degli impianti e le saturazioni individuali con meno pause, uno stato sociale, un welfare minimo. L'ad del Lingotto: "Per restare competitivi nel mondo lo stato sociale continentale va ripensato e ridimensionato". Così sposta l’attenzione sul futuro degli stabilimenti Fiat in Italia per i quali si registra per un verso la caduta d’investimenti e carenza di modelli, per l’altro una rarefazione delle norme e delle prassi democratiche consolidate in anni di lotte sindacali. Aspetti sottolineati da Susanna Camusso e da Pierre Carniti nelle interviste del 28 febbraio rilasciate a L’Unità prendendo spunto dalla decisione del Lingotto di far rimuovere le bacheche alla Magneti Marelli dove per un’antica prassi i lavoratori affiggevano copia de L’Unità. Susanna Camusso tra l’altro si chiede: "Che fine hanno fatto i famosi 20 mld di investimenti in Italia?". Pierre Carniti denuncia: "Marchionne si sente al di sopra della legge".

Allegati

  • Marchionne alza il tiro: troppo welfare in Europa  sintesi su www.rassegna.it
  • Segnali inquietanti di Susanna Camusso  Unità 28-2-12
  • Il nuovo stile Fiat è al disopra della legge di Pierre Carniti  Unità del 28-2-12
  • Bologna, nella fabbrica della censura di V.Tancredi  su Unità del 28-2-12

 

Allegato:
marchionne_alza_il_tiro.doc
segnali_inquietanti_camusso_.pdf
e_il_nuovo_stile_fiat_carniti.pdf
nella_fabbrica_della_censura.pdf

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *