Incresciosi e gravi fatti di violenze verbali, e anche fisiche, tra Rsu della Fim e della Fiom sono avvenuti nei giorni scorsi in aziende del torinese (Leonardo Velivoli, ex-Alenia; Ansaldo Sts, ex Dytech, Denso). Si è dovuto ricorrere in due casi al Pronto Soccorso, sono scattati deferimenti all'Aurità giudiziaria: uno riguardante una Rsu Fim, l'altro una Rsu Fiom. «In nessun caso una divergenza di opinioni può giustificare reazioni di questo tipo», stigmatizzano la Fim e la Fiom nei loro comunicati (allegati) che danno notizia dei fatti accompagnandoli con commenti diversi. Bisogna temere un “fascismo rosso” latente? Serve di più ammonire i violenti che latitano, qualche “cartellino rosso” alzato senza esitazione dalle organizzazioni in cui militano queste Rsu protagoniste di pugilato e dintorni.

Per saperne un po’ di più leggere i comunicati di Fim e Fiom e l’articolo de La Stampa

Allegato:
aggredito_un_sindacalista_fim_stampa_19-10-17.doc
aggressione_rsu_fim_18-10-17.pdf
comunicato_stampa_fiom_18-10-17.pdf

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *