Il Movimento NoTav riprende a marciare: Sabato 23 marzo da Bussoleno a Susa, partenza ore 14. Si ritorna a camminare in pianura dove tanti successi pacifici sono stati conseguiti dal tenace popolo del No Tav. Questa volta ci sarà una consistente sponda di parlamentari ( di più partiti)  trascinati dalla decisione di quelli del M5S che per primi hanno aderito ed hanno dichiarato la loro presenza  in valle.  L’appello è contenuto nel volantino “Difendi il futuro” (allegato). Le ragioni della valle che resiste sono stati esposti nel Convegno Torinese “La città deve sapere” del 23 febbraio (vedi allegato con registrazioni audio). Le ragioni dei No Tav sono state raccolte in 150 punti e sono state stampate su un opuscolo diffuso in migliaia di copie; sono state sintetizzate in una lettera aperta a Mario Monti sottoscritta da decine di esperti ed economisti. Nessun invito per un confronto ed una replica a queste osservazioni economiche e tecniche. Le ragioni del Sì sono state raccolte in un opuscolo di Esposito e Foglietta e come punto di forza hanno un primo assunto ( il paragone con le iniziative di Cavour quando nelle Alpi non esisteva alcun traforo ferroviario) e su uno secondo indimostrabile ( si faccia l’infrastruttura e l’utenza con tonnellate di merci certamente sceglierà questa direttrice…).  

Allegati

Allegato:
la_citta_deve_sapere_notav.doc
torino_23_febbraio_2013_registrazione.doc
difendi_iltuo_futuro_23_marzo.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *