Oltre 3 milioni di lavoratori ( pubblico amministrazione e scuola) sono stati chiamati al voto nella prima settimana di marzo. La partecipazione è stata elevata, maggiore di quella registrata nel 2006. Anche con punte di 80-90% dove la presenza sindacale era più organizzata. Le liste della Cgil, della Cisl, della Uil hanno rafforzato il risultato conseguito precedentemente. Lo spoglio non è ancora completato e ci vorranno ancora qualche giorno stante il lento sistema burocratico che gestisce la registrazione dei verbali che provengono da tutta Italia. La comunicazione ufficiale sarà a cura dell’Aran. La stima attribuisce alle liste confederali oltre il 76%. Un successo indubbio se si tiene conto di quanto avvenuto nel settore nell’ultimo triennio: blocco della contrattazione e della dinamica salariale, riforma Brunetta ed accordi separati, per citare i fatti più rilevanti. Sorprende il calo dei Cobas ( avevano ampio campo di critica) e dello Snals (di origine ministeriale). Elementi su cui aprire una approfondita riflessione a risultati definitivi.

I media hanno riservato uno scarso spazio ad un fatto democratico così importante. Si tratta dell’elezione di circa 45.000 Rsu nella Pubblica Amministrazione, Scuola, Università e Ricerca.

Intanto con la proiezione dei dati fin qui pervenuti (circa il 90%) la Cgil e la Cisl hanno comunicato le loro proiezioni che non coincidono affatto. Divisione anche sulla valutazione dei numeri e ….fuoco alle polveri.

La Cgil ha diffuso un comunicato per affermare la “grande vittoria” con un distacco di 7 punti percentuali sulla Cisl, che ha replicato ridimensionando la distanza al 2,5%.

Secondo le proiezioni in possesso della Cisl Funzione pubblica, infatti, "la Cgil si attesterebbe al 30,6% (invece del 33,2%) e la Cisl al 28,1% (invece che al 25,9% calcolato dalla Cgil). La Cisl inoltre precisa che "Cgil e Cisl sono sostanzialmente appaiata sul fronte dei seggi con circa 14.000 seggi a testa (14.048 e il 32,8% per la Cisl e 13.948 pari al 32,6% per la Cgil) mentre la Uil ne avrebbe il 16% (6.860) con il 17,4% dei voti". Sarebbero circa 35.000 Rsu per Cgil, Cisl, Uil su un totale di 44.849.

Per saperne di più sulla battaglia dei numeri e delle proiezioni apri gli allegati

  • Cgil e Cisl divise sulle Rsu del pubblico impiego_ Tucci_Il Sole 24 Ore_21-3-12
  • Statali e Scuola conta all’ultimo voto_Conquiste del lavoro_20-3-12
  • Tabella del voto Rsu Statali secondo proiezioni Cgil_20-3-1

Allegato:
voto_rsu_dati_diversi_da_cgil_e_cisl_il_sole_21-3-12.doc
statali_e_scuola_conta__allultimo_voto_conquiste.doc
tabella_voto_rsu_pa.pdf

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *