Alleghiamo la lettera  inviata al Governatore di Bankitalia Ignazio Visco. L’autore è Nicola Cacace, che risponde alle tre raccomandazioni all’Italia di “lavorare di più, in più e più a lungo” spiegando perché non è stato convinto completamente dagli argomenti del Governatore. Afferma Cacace “ Se condivido il “lavorare  in più”, avendo l’Italia il più basso tasso di occupazione europeo (56,9% contro 64%) avrei qualche riserva sulla seconda  “lavorare più a lungo” e sarei contrario sulla terza “lavorare di più”. Spiega il tutto con sole 700 parole allegando un’utilissima tabella. Si prende anche un po’ di spazio per dichiararsi “ammiratore di Seneca delle Lettere a Lucilio (caro Lucilio, tutto dipende dagli altri, solo il tempo è nostro) e convinto che obiettivo del progresso tecnico sia quello di migliorare la qualità della vita, penso che, se è giusto ai fini pensionistici  che allungandosi la vita si lavori più a lungo, non è giusto che, a) si tenda ad omogeneizzare tutti i lavoratori, quando è noto che né la vita lavorativa di un muratore né la vita fisica, hanno durate eguali a quelle di un professore, b) non è vero, come dimostrano tutti gli studi seri (tra cui quelli francesi per le 35 ore e quelli svedesi per le pensioni) che l’aumento dell’età pensionabile non riduca spazi occupazionali ai giovani”.

Documenti così chiari e concisi  nell’affrontare questioni tanto complesse come la replica di Nicola Cacace  al Governatore Ignazio Visco sono utilissimi, e ne servono di più, per ricostruire una visione ed una strategia della sinistra  e delle forze riformiste in alternativa al liberalpensiero che tutto subordina alle aspettative di mitici mercati anche quando si tratta di odiose speculazioni in nome di un tornaconto finanziario immediato che sacrifica con cinismo economicistico il destino di milioni di persone che vivono del solo loro lavoro.

Allegato

  • Lettera aperta al Governatore di Nicola Cacace – Nota n. 11-2012  Isril

Allegato:
nota_isril_n._11-2012_-_lettera_aperta_al_governatore_della_banca_ditalia.doc

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *