Giorgio Squinzi è il nuovo presidente designato della Confindustria, dovrà essere eletto dall'Assemblea plenaria ad Aprile. Non è un finanziere ma un imprenditore ( patron della Mapei) che conosce il mercato, innova e punta sui talenti propri e dei collaboratori. L'ha spuntata per una manciata di voti su Bompassei attuale vicepresidente. Afferma di non aver mai licenziato nessuno, che più che l’articolo 18 in Italia il problema dell’industria è il costo dell’energia, più alto di quello degli altri Paesi europei per colpa della  burocrazia, che ad esempio ha indotto una multinazionale ad abbandonare il progetto del terminale di Brindisi per gas liquefatto, che ci avrebbe assicurato un ulteriore rifornimento di energia del tipo oggi più conveniente.

Allegati

  • Il commento tratta da www.cittanuova.it
  • Un uomo di mediazione

 

 

Allegato:
cambia_il_vento_in_confindustria.doc
confindustria_un_uomo_di_mediazione.pdf

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *